Ominide 14593 punti

Le vicende storiche del Regno d'Egitto

Il Regno d’Egitto durò per alcuni millenni: dal 3300 circa fino al 525 a. Cr. Nel corso di tutti questi secoli si susseguirono ben 26 dinastie di Faraoni. Si suol dividere la storia egiziana in quattro periodi:
Impero antico. Il Re, unificò i due Regni in cui era diviso l’Egitto Regno del sud e Regno del Nord fu Menes: egli fondò la prima dinastia. La capitale era Tini, nell’Alto Egitto. Più tardi la sede della corte fu portata a Menfi, città situata al vertice del Delta. I sovrani Cheope, Chefrene e Micerino, appartenenti alla quarta dinastia, fecero costruire le tre famose piramidi di Cheope, misura in altezza metri 146 e in larghezza metri 230.2. Impero medio. Con l’undicesima dinastia divenne sede dei Faraoni la città di Tebe, nell’Alto Egitto. La civiltà egiziana attraversò un lungo periodo di splendore. Vi fu un notevole progresso tanto materiale, quanto intellettuale di tutta la plebe. Gli eserciti regi occuparono la Nubia e la Palestina meridionale. In seguito, però, lo Stato decadde e l’Egitto fu invaso dal popolo degli Hycsos o principi del deserto. Il dominio degli Hycsos durò quasi duecento anni. Poi vennero ricacciati nei deserti della Siria da dove erano venuti. 3. Nuovo Impero. Questo periodo è certo il più splendido di tutta la storia egiziana. I faraoni Tutmosi I e Tutmosi III conquistarono la Siria e la Fenicia e penetrarono nell’Arabia e nell’Etiopia. Un altro grande Re fu Ramsete II, chiamato dai Greci Sesostri, che vinse molti nemici, abbellì le varie città e rafforzò i confini. I suoi successori dovettero combattere duramente contro popolazioni di origine non ben nota, i cosiddetti “popoli del mare”, ma riuscirono, alla fine, a fermarli e a respingerli. 4. Periodo della decadenza. Nel corso di questi secoli l’Egitto fu ripetutamente occupato e dominato dagli Etiopi e dagli Assiri; ritornò, tuttavia, indipendente col re Psammetico I, che pose la sua sede a Sais, nel Delta. Suo figlio Neco II costruì due grandi flotte (una sul Mediterraneo e una sul Mar Rosso), aprì un canale tra il Mar Rosso e il Nilo e incaricò i Fenici di circumnavigare l’Africa. Regnando il faraone Psammetico III, l’Egitto venne invaso dai Persiani, i quali, guidati da Cambise, fiaccarono a Pelusio le ultime resistenze egiziane e ridussero la valle del Nilo a una provincia del loro Impero. L’Egitto fu in seguito conquistato da Alessandro Magno; alla morte di Alessandro divenne un Regno indipendente. La dinastia dei Tolomei detenne il potere per alcuni secoli. Poi l’Egitto cadde sotto il dominio dei Romani.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Guerra contro gli Hittiti e decadenza del Regno d'Egitto