pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Roma repubblicana - Princeps senatus


In Senato, il primo a parlare è il princeps senatus (il primus inter paris, uno tra pari, secondo quel criterio strettamente oligarchico di eguaglianza dei membri, un criterio che non sopporta disparità di ricchezze, di comportamenti e differenze ideologiche, ma che, viceversa, viene fortemente contraddetto nel corso della repubblica e del Principato), il più alto in grado dei senatori, dunque quasi sempre un ex censore. Questo criterio cambierà molto in età imperiale perché quando Augusto assume il titolo di princeps, che fa riferimento al primus inter paris tradizionale, la figura del princeps senatus perde il suo significato e la sua importanza: il primo a prendere la parola è sempre l’imperatore ed è lui che “detta legge”; con Augusto cambia anche il modo di scegliere il princeps senatus, il quale assume del colorito censitario, evidente anche in età repubblicana, ma non determinante: mentre prima era sottinteso (le cariche pubbliche erano gratuite e bisognava possedere un censo molto alto per assumere una magistratura) l’aspetto censitario, ma non dichiarato, in età imperiale tale aspetto diviene molto importante (tanto che Simmaco, nel IV secolo, si lamenta perché il princeps senatus è scelto tra i ricchi, cioè tra quelli che possono offrire giochi più spettacolari e non più autorevoli, un’ipocrisia ideologica, perché anche in età repubblicana in quanto autorevoli alla fine coincidevano con i più ricchi). Dopo la risposta del princeps senatus all’ordine del giorno si continuava e, sempre in modo gerarchico, chiunque volesse poteva prendere parola e dichiarare la propria opinione; alla fine si metteva ai voti la proposta o le varie proposte. Il modo in cui si votava era piuttosto buffo: i senatori votavano per discessionem (discedo, “cammino”), nel senso che si alzavano ed andavano a piedi dalla parte del senatore che aveva lanciato la proposta che volevano votare; quindi, essi si muovevano in base alle proprie preferenze, verso il senatore che aveva lanciato la proposta che essi intendevano accettare, accogliere. Nel Senato repubblicano alcuni senatori venivano chiamati “pedarii” (da pedes, “piedi”), da alcuni interpretato come l’attributo dato a senatori che votavano soltanto, senza proporre mai nulla; probabilmente, essi erano senatori di grado gerarchico inferiore, che non davano mai proposte ed esprimevano solamente il proprio voto per discessionem, cioè camminando.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove