Erectus 1118 punti

Parini - Cicibeismo e satira de "Il Giorno"


• Il giorno è un Opera di Giuseppe Parini scritta in endecasillabi sciolti
• L'argomento principale è la descrizione della giornata di un Giovin Signore della nobiltà milanese
• La scansione dell'Opera prevede tre momenti : il mattino, il mezzogiorno e la sera
• Il mattino è stato composto nel 1763, il mezzogiorno nel 1765 e la sera invece è la parte dell'opera rimasta incompiuta e suddivisa poi in vespro e notte
• Il genere a cui appartiene l'opera è la poesia didascalica, genere classico diffuso in periodo illuminista.
• L'impianto si presenta descrittivo più che narrativo
• Il Giovin Signore trascorre le sue giornate in maniera ripetitiva. Si corica all'alba dopo una notte a teatro e al tavolo dal gioco, si risveglia a mattina inoltrata riceve visite gradite come il maestro di violino o di francese e sgradite (artigiani, contadini) e dopo la toeletta si concede alla sua dama
• Fortemente presente nell'opera è il concetto di cicibeismo, una convenzione in vigore dall’età cortese che in realtà è una forma di adulterio socialmente legittimato. L'etimologia del termine riproduce l'onomatopea di una conversazione.
• Viene fortemente criticato da Parini in quanto contrario al concetto di famiglia
• La satira dell'opera è resa tramite l'antifrasi
• Il pedagogo finge di accettare lo stile di vita del suo pupillo ma tramite alcune iperboli esalta come eventi portentosi l'azione dello sbadigliare bere compiute dal Giovin Signore
• Alla figura melliflua e servile del precettore si contrappone lo spirito fortemente critico di Parini
Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email