5 modi (quasi) infallibili per evitare di essere interrogati

matti.imparato
Di matti.imparato

Le interrogazioni rappresentano uno dei momenti più temuti da tutti quanti gli studenti. Quando il professore entra in classe e annuncia un’interrogazione, sale la paura di essere lo sfortunato di turno, soprattutto per chi non ha studiato. Nessuno ha la certezza di sfuggire all’ interrogazione: c'è a chi iniziano a sudare le mani e chi rimane paralizzato dalla paura. Come fare per evitare tutto ciò? Esistono diversi metodi per non essere interrogati. Ecco qui una lista di 5 metodi quasi infallibili per scampare un’ interrogazione.

1. Inventare una scusa che giustifichi il non aver studiato

Uno dei primi requisiti per far sì che il professore “caschi” nella scusa è che sia fortemente convincente. Sono molte le scuse per evitare l’interrogazione, ma le più convincenti però sono:
- Aver dimenticato il libro a scuola;
- Essersi recati in visita ad un parente malato.
Se il professore vi crederà, avrete scampato il pericolo di andare alla cattedra.

2. Chiedere il permesso di andare in bagno

Chiedere il permesso per andare in bagno è uno dei classici più utilizzati dagli studenti, i professori oramai conoscono questo metodo ed è per questo che bisogna pensare a vari accorgimenti. L’errore più banale è quello di chiedere il permesso mentre l’insegnate sta chiamando i “prescelti”, in questo modo verrete facilmente scoperti. Bisogna giocare d’anticipo ovvero chiedere il permesso non appena l’insegnante farà il suo ingresso in aula, importante è anche sottolineare l’urgenza per fare in modo di essere il più convincenti possibile.

3. Dire di non aver capito bene l’argomento dell’interrogazione

Quando siete a conoscenza di un’interrogazione e non vi sentite pronti o non avete la più pallida idea dell’ argomento trattato, un’ altro metodo a cui si può ricorrere è quello di dire al professore di non aver capito l’argomento dell’ interrogazione, prima informatevi anche un minimo poi ponete delle domande, cercate di far intendere che avete provato ad applicarvi ma nello stesso tempo di aver riscontrato diverse difficoltà. Avrete buone probabilità di essere “risparmiati”.

4 Convincere un compagno a offrirsi volontario

Un’ altra metodologia attuabile è quella di convincere un compagno a farsi avanti al posto tuo. Molto spesso gli insegnanti sono ben felici di accettare i volontari. Criterio fondamentale per l’attuazione di questo punto è che vi mettiate d’accordo con il volontario per tempo (il giorno prima se non la mattina stessa del giorno d’interrogazione). Per essere sicuri che il volontario si offrirà, bisogna o affidarsi a una persona di fiducia oppure offrirgli dei favori in cambio.

5. Fingere di sentirsi poco bene

Anche questo, come l’andare in bagno, è uno dei metodi più frequentemente utilizzati ed è per questo che il non farsi scoprire diventa fondamentale. Questa tecnica però ha bisogno di essere messa in pratica qualche ora prima dell’interrogazione per non rischiare di essersi fatti vedere in piena salute nei corridoi di scuola per poi fingersi “morenti” durante l’ora fatidica.

Mattia Imparato
Commenti
Consigliato per te
I Licei Classici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017
Skuola | TV
Prima volta: tutte le difficoltà che si possono incontrare

Ospite in studio una psicosessuologa che ci parlerà delle difficoltà che ragazzi e ragazze possono incontrare durante la loro prima volta.

22 novembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta