Ominide 1778 punti

I terremoti vengono rilevati da un particolare strumento chiamato sismografo che munito di un pennino in caso di vibrazione inizia a fare segni a zig zag su un foglio sottostante,più i segni sono lontani e più il terremoto è forte.
Il sismografo viene messo nelle grotte o comunque nelle zone isolate, altrimenti anche per un semplice rumore o per un passaggio di una macchina registrerebbe un terremoto che in realtà non c'è stato.
Per misurare un terremoto ci sono due scale, la cui una è più usata, mentre l'altra è stata quasi abbandonata a causa di alcuni suoi grandi difetti:
- La scala Mercalli (dal nome del suo scopritore) che indica l'intensità di un fenomeno sismico, valutandone la forza in 12 gradi che calcolano i danni che potrebbero subire oggetti e persone. La scala Mercalli è stata quasi abbandonata in quanto se il terremoto della stessa intensità, si manifesta sotto una casa antisismica e sotto una casa normale, i danni saranno diversi, per lo stesso motivo, se avvenisse nel deserto non ci sarebbero danni.

- La scala Richter che calcola il terremoto e la sua intensità usando come unità di misura il magnitudo, è la scala più usata in quanto calcola l'intensità di un terremoto con la forza che sprigiona.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email