Il positivismo è la corrente di pensiero filosofica che fonda la sua fiducia nel progresso scientifico e sostiene che tutto può essere risolto grazie alle leggi scientifiche. Si diffuse intorno alla metà dell’Ottocento divulgandosi in tutta Europa. La diffusione del Positivismo fu facilitata, grazie alla Grande Esposizione di Londra del 1851 che sancì i trionfi della macchina, della scienza e della tecnica, che cambieranno il mondo negli anni seguenti, portando ad un miglioramento delle condizioni di vita, anche grazie alle nuove scoperte nell’ambito enogastronomico (1834 frigorifero, Louis Pasteur pastorizzazione, teoria dei germi patogeni e virus, 1878 enzimi, Nicolas Appert le conserve alimentari), tutto ciò portò alla convinzione che la scienza è un bene che consentirà all’umanità di raggiungere un elevato livello di benessere. Grazie al progresso spariscono alcune malattie, ma se ne creano altre; a causa dell’inquinamento aumenta la mortalità nei quartieri industriali. Le principali caratteristiche sono:

• Fiducia nella ragione, scienza e tecnica
• Visione ottimistica del progresso umano
• Applicazione del metodo scientifico alla società e all’uomo
• L’intellettuale tratta problematiche sociali e scientifiche
I maggiori esponenti sono:
• Auguste Comte(francese), inventore della sociologia;
• Charles Darwin (Inghilterra) ideatore della teoria evoluzionistica; le specie viventi si sono evolute in una seleziona naturale che permette solo ai migliori di adattarsi all’ambiente e le specie simili discendono da un antenato comune, inoltre l’ambiente può favorire o contrastare la sopravvivenza.
• Herbert Spencer tentò di applicare la teoria evoluzionistica a tutti i campi del sapere
• Gregor Mendel inventore della genetica

Crisi del positivismo


• Le teorie di Darwin, vengono estese anche alla politica, così facendo la nazione cosiddetta più “forte”, sottometterà le nazioni locali, nascendo così il nazionalismo;
• Il prestigio di una nazione non deriva più dai valori ideali e culturali, ma dalla potenza;
• L’esaltazione per la forza e per il progresso è legata anche alla legge darwiniana, del più forte, di chi si sa adattare alla concorrenza tra industrie (corsa agli armamenti);
• La scienza diventa pericoloso mezzo di predominio;
• Dal 1873 inizia una crisi industriale e poi agraria dovute alla sovrapproduzione, per risolvere questo problema si adotta il metodo della politica protezionistica, alzando le barriere doganali; un’altra soluzione fu l’occupazione nei territori africani e asiatici.
Il positivismo determina la nascita di diverse correnti:
• Realismo: movimento culturale che si contrappone all’idealismo romantico, in riferimento alle arti figurative(impressionismo);
• Naturalismo: movimento letterario francese, che si basa sulla descrizione accurata della realtà priva da interpretazioni soggettive dell’autore, carattere unitario (Francia unita);
• Verismo: termine italiano, con stesse pretese scientifiche del Naturalismo, ma regna l’impersonalità, carattere regionalistico.

Naturalismo


• Attenzione verso la natura umana, realtà
• Rappresenta la realtà come un quadro, ma in modo acritico(impersonale)
• Attenzione per gli umili
• Racconta fatti di tutti i giorni
• Morale: denuncia alla realtà del tempo
I maggiori esponenti sono: fratelli Jules e Edmond Goncourt, Émilie Zola, Flaubert.
Émilie Zola analizza la società come se si trattasse di un fenomeno scientifico, attraverso l’uso del metodo sperimentale; l’artista è come se fosse uno scienziato che vuole denunciare l’alienazione (disagio generato dal lavoro, che finisce per rendere l’uomo estraneo a sé stesso), è l’inventore del romanzo sperimentale.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze