DECADENTISMO E NATURALISMO

Naturalismo e Positivismo sono due correnti parallele degli anni Settanta-Ottanta e i primi anni del Novanta. In Francia, in particolare a Parigi, nascevano i periodici portavoce del Decadentismo “Le Decadent” “Le chat noir” con i maggior scrittori Verlaine, Rimbaus, Huysmans, contemporaneamente agli scritti naturalisti di Zola, Maupassant.. Infatti per esempio quando esce L’arte poetica di Verlaine, manifesto del Decadentismo, esce anche Pot-bouille di Zola, oppure quando esce il Languore di Verlaine, esce anche Al paradiso delle signore di Zola.. Lo stesso discorso può essere fatto per quanto riguarda Verismo-Decadentismo.
Dunque essendo tendenze parallele non si può affermare che il Decadentismo sia il frutto di una situazione storica diversa, successiva rispetto a quella del Naturalismo, anche se i gruppi di intellettuali delle due correnti sono diversi, con reazioni diverse alla società, i Naturalisti per esempio si integravano nella società, accettavano l’orizzonte culturale borghese, condividevano la fiducia del progresso, poi man mano con lo sviluppo delle trasformazioni la fiducia nel progresso si esaurisce e per questo motivo si esaurisce il Naturalismo, e si afferma il Decadentismo, in cui lo scrittore va contro la società praticando il culto del bello e dell’estetismo. Dunque aspetti decadenti si possono ritrovare in scrittori naturalistici e viceversa come in Zola, si riscontra vitalismo ma anche compiacimento per atmosfere malate e perverse, come in Curée, in cui si svolge l’incesto tra matrigna e figliastro sullo sfondo inquietante di una serra. Huysmans che invece con Controcorrente è l’esponente del Decadentismo esordisce come seguace di Zola, collabora a Serate di Médan, manifesto del Naturalismo.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email