Coronavirus, tampone fai da te: quando arriva e come funziona

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
tamponi fai da te

La lotta al Covid-19 non è ancora finita, soprattutto in Italia, per questo scienziati, medici ed esperti stanno cercando di percorrere ogni strada possibile per contrastare la pandemia mondiale. Un nuovo strumento che da poco si è aggiunto a questa lotta è il tampone fai da te: molto se ne è parlato, soprattutto nelle ultime ore. Ecco perché noi di Skuola.n
et vogliamo fare il punto su questo nuovo dispositivo medico: cos’è? Come funziona? Quando arriva? Scopriamolo insieme.



Tampone fai da te: in arrivo in Veneto


A partire da ieri, lunedì 16 novembre 2020, come annunciato dal Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, sono arrivati proprio nella sua regione cinquemila test fai da te per iniziare la sperimentazione di questi nuovi dispositivi di monitoraggio del virus che dovrebbero quindi essere più accessibili a tutti per snellire così l’altissimo numero di persone che ogni giorno si rivolgono alle Asl e alle postazioni dove vengono effettuati tamponi molecolari o rapidi.

Come funzionano i test fai dai te per il Covid-19?


Il direttore generale dell’Oms, Ranieri Guerra, è stato ospite alla trasmissione a Otto e mezzo su La7 e in quell’occasione ha definito questi nuovi tamponisimili ad un test di gravidanza, i primi kit in auto somministrazione monouso saranno in farmacia”. Ma quindi come funzioneranno? A spiegarlo è Roberto Rigoli, direttore dell’unità di Microbiologia e virologia di Treviso, che al Corriere.it ha dichiarato: “Si tratta di un tampone delle fosse nasali - spiega - da mettere poi nel contenitore del reagente. La sperimentazione avverrà in doppio: ogni test fai da te sarà validato da un tampone molecolare. Per ampliare la sperimentazione stiamo valutando di lavorare con molte delle microbiologie venete, quattro o cinque, per avere un numero elevato di test e più centri coinvolti. Parametri, questi, che aumentano notevolmente l’affidabilità della sperimentazione che, poi, sarà presentata all’Iss per la validazione”.



Quando arriveranno in tutta Italia i tamponi fai da te?


Dunque il Veneto farà da apripista per tutta l’Italia in merito di tamponi fai da te, e proprio il Presidente della Regione, Zaia, ha affermato a Radio24: “Abbiamo seguito la realizzazione di questo tamponcino fai da te, grande come un cotton fioc, che poi ha un suo reagente, con la solita ‘saponetta’. Abbiamo già iniziato la prova in doppio con tampone molecolare sui pazienti. Dà già risultati incoraggianti, adesso si tratterà di fare la sperimentazione. I pazienti ci sono e abbiamo la massa critica per farla”, ha concluso. Quindi per ora i nuovi tamponi fai da te saranno disponibili nelle farmacie venete, dove inizierà il periodo di prova, ma ancora non si sa quando saranno disponibili in tutta Italia. Ma per tutti quelli che proveranno questi nuovi dispositivi, quale sarà la procedura dopo aver letto l’esito del tampone? A chi andranno comunicati i risultati del test? Bisognerà aprire l’app di biosorveglianzaZero Covid Veneto” e riportare l’esito del tampone in modo da renderlo accessibile al sistema sanitario regionale, sperando che a breve questo metodo possa essere reperibile da tutti in tutta la Penisola.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta