Classifica migliori università italiane: ecco quali sono

Carla Ardizzone
Di Carla Ardizzone
universita classifica

Esistono università di serie A e di serie B? C'è chi è d'accordo con questo pensiero, c'è chi non lo è per niente: ma quando si tratta del proprio futuro, di sicuro gli studenti non si fermano alla scelta del corso di laurea, ma si documentano anche sull'efficienza e il prestigio dell'ateneo. Allora, una delle possibilità per orientarsi è quella di visionare le classifiche che ogni anno danno una panoramica sugli atenei italiani.




Classifica università italiane La Repubblica-Censis - Le Migliori Università Italiane 2019

L'ultima classifica in ordine di tempo, a poche settimane dall'inizio del nuovo accademico, prende in considerazione le università statali, quelle a cui si rivolgeranno la maggior parte degli studenti. Per rendere il quadro il più omogeneo possibile, la classifica stilata da La Repubblica in collaborazione con il Censis suddivide gli atenei in macrocategorie, a seconda del numero di iscritti e della tipologia di università, valutando vari aspetti: dalle strutture alla comunicazione, dai servizi al livello d'internazionalizzazione.

  • Classifica 2019 mega atenei
  • Prima nella classifica delle migliori università 2019/2010 l’Università di Bologna, con un punteggio complessivo pari a 90,8. Al secondo posto troviamo l’Università di Padova (88,7). Terza posizione per l’Università di Firenze (86,3). Ai piedi del podio l’Università Sapienza di Roma (84,3). Segue l’Università di Torino (83,0), che supera l’Università di Pisa (82,5) al sesto. Ultima tra i mega atenei statali è l’Università di Napoli Federico II, preceduta dall’Università di Catania. L’Università di Bari è terzultima e sostituisce la Statale di Milano, che guadagna una posizione.

  • Classifica Censis migliori atenei 2019/2020 grandi
  • Con un punteggio complessivo di 90,2 punti prima è l’Università di Perugia. L’Università della Calabria (90,2) mantiene la seconda posizione. Posizioni stabili anche al terzo e quarto posto: ci sono l’Università di Parma e l’Università di Pavia (con 89,7 e 88,0 punti). Quinto posto per l’Università di Modena e Reggio Emilia (87,3). Sesto posto all’Università di Salerno. Penultima tra i grandi atenei è l’Università Roma Tre (79,0 punti). Chiudono la classifica, con il punteggio ex aequo di 75,5, le Università della Campania, l’Università di Chieti e l’Università di Pescara.

  • Gli atenei medi secondo la classifica Censis 2019/2020
  • L’Università di Trento si pone al vertice della classifica Censis 2019/2020 delle migliori università statali di medie dimensioni (con un punteggio complessivo pari a 97,0); A cedere il primato è l’Università di Siena, che ora si trova al secondo posto (con 95,3 punti). La terza posizione è condivisa dagli atenei friulani: l’Università di Trieste e l’Università di Udine ottengono lo stesso punteggio (91,2). Precipita dalla seconda alla quinta posizione l’Università di Sassari. Chiudono il ranking - all’ultimo, penultimo e terzultimo posto - l’Università di Napoli L’Orientale, l’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro e l’Università di Napoli Parthenope.

  • Classifica Censis migliori università 2019/2020 piccoli atenei
  • Anche quest’anno a dominare è l’Università di Camerino, con un punteggio complessivo pari a 93,0. La seconda e la terza posizione sono nuovamente dell’Università di Foggia (82,2) e dell’Università di Cassino (82,0). Quarto e quinto posto, sono invece occupati dall’Università della Basilicata (81,3) e dall’Università Insubria (80,5), che risalgono ciascuna di due posizioni. In penultima e ultima posizione ci sono, rispettivamente, l’Università del Sannio e l’Università del Molise.

  • Politecnici classifica università Censis 2019/2020
  • La graduatoria Censis 2019/2020 dei migliori Politecnici vede nettamente al primo posto il Politecnico di Milano (con un punteggio complessivo di 95,8). Lo insegue, in seconda posizione (una in meglio rispetto all’anno scorso), il Politecnico di Torino (91,5), che fa retrocedere in terza posizione lo Iuav di Venezia. Chiude la classifica il Politecnico di Bari, che chiude la classifica.

  • Migliori università private 2019/2020 Censis
  • Per quel che riguarda i grandi atenei privati (oltre 10.000 iscritti) in prima posizione c’è anche quest’anno l’Università Bocconi di Milano (96,8), seguita a distanza dall’Università Cattolica (87,4). Tra le università private di medie dimensioni (da 5.000 a 10.000 iscritti), primo posto per la Lumsa (90,0), seguita con un distacco minimo dalla Luiss (89,8), mentre lo Iulm è al terzo posto (83,0). Tra i piccoli atenei non statali (fino a 5.000 iscritti) selezionati dal Censis è la Libera Università di Bolzano che continua a occupare il vertice della classifica (con 102,4 punti), seguita dalla Liuc Università Cattaneo (91,0) e dall’Università Roma Europea (83,6), che passa dalla ottava posizione dello scorso anno alla terza.

Classifica università italiane La Repubblica-Censis - Le Migliori Università Italiane 2018


  • Mega atenei e grandi atenei statali 2018 2019
  • I mega atenei statali sono quelli che superano i 40mila iscritti. La classifica vede piazzarsi nuovamente al primo posto, come lo scorso anno, l’Università di Bologna con 91,2 punti. Secondo posto pari merito per tre atenei, l’Università di Firenze, l’Università di Roma La Sapienza e l’Università di Padova, tutte con 86 punti. Ultimo posto per l’Università di Napoli Federico II, immediatamente preceduta da quella di Catania. Si piazza terzultima l’università di Milano.
    Per quanto riguarda i grandi atenei, quelli con un numero di iscritti che oscilla tra i 20mila e i 40mila, guida la classifica l’Università di Perugia con 93,8 punti, mantenendo la media del precedente anno tranne per il punteggio relativo alle strutture per studenti, che è calato di 5 punti. Al secondo posto spicca per virtù un ateneo del sud, l’Università della Calabria in provincia di Cosenza, che conta 92 punti.

  • Atenei statali medi e piccoli: primi posti per Siena e Camerino
  • Anche per gli atenei medi si riconferma il primo posto ll’Università di Siena con ben 99 punti in totale. In seconda posizione troviamo l’Università di Sassari con 98 punti, immediatamente prima della terza, l’Università di Trento, con 96,8 punti. Per la prima volta nella classifica compare, grazie all’incremento dei suoi iscritti, l’Università di Macerata, che si prende l’ottava posizione con 84,6 punti. L’ultimo posto degli atenei medi spetta all’Università di Napoli L’Orientale. Al penultimo troviamo Parthenope, sempre di Napoli, e al terzultimo l’Università degli Studi Magna Graecia a Catanzaro.
    Passando ai piccoli atenei si conferma nuovamente in cima alla classifica l’Università di Camerino (Macerata) con 91,4 punti. Al secondo posto troviamo un ateneo del sud, l’Università di Foggia, con 87,6 punti. Ultima e penultima posizione in questa categoria sono state ottenute rispettivamente dall’Università del Molise e da quella del Sannio.

  • Politecnici e atenei non statali
  • Al primo posto, stabile nella classifica dei politecnici, troviamo quello di Milano con 91,2 punti seguito dallo Iuav di Venezia coi suoi 89 punti. Terzo e quarto posto rispettivamente per i politecnici di Torino e Bari.
    Per la classifica degli atenei non statali, è la Bocconi di Milano la prima tra i grandi atenei (oltre 10mila iscritti) non statali, con 95,6 punti. Immediatamente dopo troviamo l’Università Cattolica con 87,6 punti. Nei medi atenei, che contano tra i 5mila e i 10mila studenti, troviamo due università della capitale: la Luiss al primo posto con 91,4 punti e la Lumsa al secondo con 83,8. Più numerosa la classifica dei piccoli atenei, che vede sul podio al primo posto la Libera Università di Bolzano (106 punti) seguita dalla Liuc-Università Cattaneo di Castellanza (Va) con 92,6 punti. Ultima posizione per l’Università Lum Jean Monnet di Casamassima (Ba), immediatamente preceduta dall’Università Europea di Roma.

Classifica università italiane La Repubblica-Censis - Le Migliori Università Italiane 2017


  • Mega atenei 2017
  • Tra i gli atenei con più di 40mila iscritti al primo posto si conferma Bologna (92.0), avanti a Firenze (88.2) e Padova (87.2). Ai piedi del podio La Sapienza di Roma (86.8), poi via via Pisa, Palermo, Torino, Bari, Milano, Catania e la Federico II di Napoli.

  • Grandi atenei 2017
  • Tra gli atenei che contano tra i 20mila e i 40mila iscritti troviamo Perugia (94.8), poi Pavia (91.6) e Parma (89.6). Ai piedi del podio troviamo Modena e Reggio Emilia, poi Calabria, Cagliari, Genova, Venezia e Salerno.

  • Medi atenei 2017
  • Tra gli atenei con la quota da 10mila a 20mila iscritti, il primo posto è di Siena (99.4) davanti a Trento (99.2) e Sassari (97.8). Quarto posto per Trieste (92.8), poi via via Udine, Brescia, Marche, Urbino Carlo Bo e Salento.

  • Piccoli atenei 2017
  • Tra le piccole università (fino a 10mila iscritti) primo posto per Camerino con 97.2, poi Teramo con 89.6 e Macerata con 87.6.

  • Politecnici 2017
  • Milano prima tra i Politecnici davanti a Venezia, Torino e Bari.

Classifica università italiane The Times Higher Education - Le Migliori Università Europee 2016


Le università italiane sono tra le migliori del vecchio continente. E a confermarlo è il Times Higher Education Magazine. Infatti, stando alla classifica dei 200 migliori atenei migliori d’Europa quelli italiani si trovano nelle prime 100 posizioni. Quali sono le migliori università italiane? Le accademie pisane: La Normale e la Scuola Sant’Anna che troviamo, infatti, rispettivamente al 50esimo e al 90esimo posto. Ma come vengono classificati gli atenei? Per qualità dell’insegnamento, prospettiva internazionale, livello di ricerca e della formazione, citazioni, capacità d’investimento sui progetti dell’università e, novità di questo ranking, reputazione sui media.

  • Classifica università europee
  • La vetta della classifica delle migliori università d’Europa, è quasi interamente occupata da atenei “made in UK”. Sul podio, infatti, ci sono: l’Università di Oxford (al primo posto), quella di Cambridge (al secondo) e l’Imperial College London (al terzo posto). Il dominio britannico è interrotto dall’ ETH Zurich, università svizzera che si conquista il quarto posto delle migliori università. Dopodichè, fino all’ottava posizione, ci sono ancora atenei britannici. Ma non se la cavano male anche Germania e Paesi Bassi che piazzano, rispettivamente, 4 e 3 università nelle prime 20 d’Europa. E in Italia? Com’è la situazione? E quali sono le migliori università italiane secondo il Times Higher Education Magazine.

  • Classifica migliori università italiane
  • La migliore università italiana? Come anticipato è La Normale di Pisa che conquista il 50esimo posto, seguita dalla Scuola Sant’Anna di Pisa al 90esimo. E le altre? In totale sono ben 19 gli atenei italiani presenti tra i top 200 d’Europa e si trovano quasi tutti nel Nord Italia. Ma ecco allora la classifica università italiane che è possibile ricavare da quella del Times Higher Education Magazine.


    #19 Università di Roma3

    #18 Università di Roma Tor Vergata

    #17 Università di Modena e Reggio Emilia

    #16 Politecnico di Torino

    #15 Università di Verona

    #14 Università di Milano Bicocca

    #13 Università di Firenze

    #12 Università di Pavia

    #11 Università di Napoli Federico II

    #10 Università di Torino

    #9 Università di Milano Statale

    #8 Università di Trieste

    #7 Università di Padova

    #6 Università di Roma La Sapienza

    #5 Università di Bologna

    #4 Politecnico di Milano

    #3 Università di Trento

    #2 Scuola Superiore Sant’Anna

    #1 Scuola Normale Superiore di Pisa


Classifica università italiane La Repubblica-Censis - Le Migliori Università Italiane 2016


Ripercorriamo la classifica Censis degli ultimi anni per scoprire l'andamento degli atenei italiani.

  • Le università mega classifica Censis 2016
  • Tra gli atenei con più di 40mila iscritti è nettamente in cima alla classifica l'università di Bologna, grazie soprattutto alla qualità dei suoi servizi digitali. Seguono Padova e Firenze. L'università di Pisa si piazza invece ai piedi del podio, insidiata dalla "Sapienza" di Roma e da quelle di Palermo e Torino. Abbastanza male la statale di Milano, solo ottava.

    • Le università grandi classifica Censis 2016
    • Perugia e Pavia: sono queste le città in cui si possono trovare i migliori atenei di grandi dimensioni (tra i 20mila e i 40mila iscritti). Terza l'università della Calabria di Cosenza; più staccate Parma, Genova, Cagliari e Verona. Arrancano quelle delle grandi città come "Tor Vergata" a Roma e la "Bicocca" di Milano.

    • Le università medie classifica Censis 2016
    • Per quel che riguarda le università considerate piccole (numero di iscritti tra 10mila e 20mila) spicca l'ateneo di Trento, quello che ottiene il punteggio più alto tra tutte le università d'Italia; buoni risultati anche per Siena, Sassari e Trieste.

    • Le università piccole classifica Censis 2016
    • Molti preferiscono studiare in atenei dal numero contenuto di iscritti, sperando di riuscire a orientarsi meglio e di essere seguiti di più nella didattica. L'università di Camerino, in questo, sembra essere una garanzia, piazzandosi nettamente in testa tra gli atenei con massimo 10mila iscritti. Più staccate altre realtà di provincia come Foggia, Macerata e Teramo.

    • I politecnici classifica Censis 2016
    • La classifica Repubblica-Censis ha voluto mettere in una casella a parte i politecnici, forse per la particolarità dell'insegnamento, che li differenzia da tutte le altre facoltà. In questo settore la medaglia d'oro va a quello di Milano, seguito da quello di Venezia. Più giù Torino e Bari.

    Classifica Università Italiane Censis 2015


    • Gli atenei mega 2015
    • Nella classifica Censis del 2015 nei primi tre posti ci sono l'Università di Bologna, di Padova e di Firenze, che sono in prima, seconda e terza posizione. Seguono Pisa, Palermo e Torino. Tra gli atenei che seguono ci sono Bari e Roma La Sapienza, che superano la statale di Milano. Ultime posizioni per l'Università di Catania e la Federico II di Napoli.

    • Gli atenei grandi 2015
    • A guadagnarsi il podio tra gli atenei tra i 20mila e i 40mila iscritti sono, in ordine di classifica, le università di Perugia, di Pavia e della Calabria. Seguono al 4°, 5° e 6° posto l'Università di Parma, Genova e di Verona. A metà classifica troviamo Tor Vergata di Roma, l'Università di Cagliari e Milano Bicocca, seguite da Salerno, Messina e Roma Tre. Le ultime tre posizioni sono occupate dall'Università de L'Aquila, di Chieti e Pescara, e l'Università di Caserta.

    • Gli atenei medi 2015
    • La classifica del Censis definisce atenei medi le università che hanno tra i 10mila e i 20mila iscritti. Tra le 15 università analizzate, in cima ci sono l'Università di Siena, di Trento e di Sassari. Sotto al podio troviamo invece Trieste, Marche e Udine . A metà classifica si trovano l'Università di Brescia e l'Università di Modena seguite da Salento, Urbino e Ferrara. Alla fine della lista nelle ultime 4 posizioni: Cà Foscari di Venezia, l'Università di Bergamo e purtroppo le due napoletane l'Orientale e Parthenope agli ultimissimi posti.

    • Gli atenei piccoli 2015
    • Tra gli atenei piccoli, sotto ai 10mila iscritti, batte tutti l'Università di Camerino. L'università marchigiana supera così l'Università di Macerata e l'Università della Basilicata, che si trovano in seconda e terza posizione. L'Università di Teramo arriva quarta, mentre quinte e sesta Foggia e l'Università della Tuscia. A seguire poi l'Università di Cassino e Università dell'Insubria. In coda alla classifica, invece, si piazzano l'Università di Catanzaro e, infine, l'Università del Sannio.

    • I politecnici 2015
    • Nella "classifica" del Censis ci sono anche i Politecnici. In prima posizione si colloca il Politecnico di Milano, in seconda troviamo il Politecnico di Venezia IUAV segue il Politecnico di Torino. In quarta posizione infine, il Politecnico di Bari
      .


    Carla Ardizzone, Carmine Zaccaro
    Potrebbe Interessarti
    ×
    Skuola | TV
    Non perdere la prossima puntata!

    Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Seguici e lo scoprirai!

    20 novembre 2019 ore 15:30

    Segui la diretta