Quando la scuola superiore si rivela un ostacolo: alcuni consigli per viverla al meglio

Gianluca Daluiso
Di Gianluca Daluiso
scuola ostacolo

Il periodo scolastico delle superiori è sicuramente il più impegnativo sotto molti punti di vista. Per chi affronta il passaggio dalla scuola media a quella superiore, il salto è ancora maggiore e non viene gestito allo stesso modo da tutti i ragazzi. La mole e la metodologia di studio richiesti sono diversi e non tutti si adattano alla stessa maniera e con gli stessi tempi.
Per non parlare del fatto che in questo periodo specifico l'impossibilità di presenziare in classe complica maggiormente la qualità e i presupposti dell'istruzione, sia per gli studenti che per gli insegnanti. Ogni anno d'istruzione superiore dunque ha le sue criticità e non sempre ci sentiamo in grado di superarle. Quale può essere dunque, un consiglio per vivere la scuola in modo soddisfacente e vantaggioso?

Guarda anche




Come affrontare la scuola nel modo migliore e trarne insegnamento per il futuro


Un errore piuttosto comune è di reputare lo studio e le prestazioni scolastiche come un dovere per soddisfare gli altri o dimostrare il proprio valore ad una platea giudicante. Se vista in questa ottica, la scuola può diventare in fretta un inferno. Le motivazioni suscitate dal voler fare una buona figura con i professori, ottenere l'approvazione dei genitori o assillarsi per la competizione con i compagni possono essere una buona spinta, ma per un periodo limitato di tempo. Ricordati che devono passare 5 anni, e diventeranno presto in salita se nel mentre non avviene un cambio di prospettiva. Nella lista delle persone coinvolte nel percorso scolastico sopracitato ne manca proprio una, la più importante: te stesso. Se non vedi la scuola come un percorso che ti porta a crescere come persona, più che come cavia, potresti veramente sviluppare un sentimento di repulsione molto forte verso di essa, perché non ne vedi le finalità. E i primi brutti voti in alcune materie si trasformano subito in un rifiuto di principio. Al contrario, anche nelle materie in cui ti senti meno sicuro o che semplicemente non ti piacciono, la presa di coscienza è avere un ottica dove ogni informazione, pure la più noiosa, può rappresentare un progresso o un'aggiunta al tuo personale bagaglio culturale e umano. Di conseguenza, gli elementi che contribuiscono allo sviluppo della tua persona, avranno anche un riscontro nella praticità della valutazione scolastica, divenendo una vittoria per tutti.
Il solo voto numerico non ti rappresenta. Il modo in cui decidi di utilizzare e fare tua la ricchezza che acquisisci, si.

Gianluca Daluiso
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di sapere chi sarà il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

3 marzo 2021 ore 15:30

Segui la diretta