8 marzo: le cose da sapere sulla festa della donna

Redazione
Di Redazione

L’8 Marzo è il giorno in cui cade la festa della donna. La scelta di adottare questa festività è dovuta alla commemorazione degli eventi passati drammatici riguardanti le donne e alla lotta che hanno affrontato per ottenere la parità dei diritti con gli uomini. Per questo evento, vi proponiamo le curiosità più interessanti a riguardo.

1. Incendio Fabbrica di Cotton

A lungo si è pensato che la scelta di questa giornata fosse attribuita ad un incendio che si verificò nella fabbrica tessile di Cotton a New York, durante il quale circa 129 donne persero la vita quell’8 Marzo 1909. In realtà si tratta di un falso storico creato da un gruppo di femministe che volevano mantenere viva la memoria su un altro evento realmente accaduto, ovvero l’incendio del 25 marzo 1911 nella fabbrica Triangle di New York dove persero la vita 146 operai, quasi tutte donne.

Un post condiviso da Skuola Net (@skuolanet) in data:


2. Rivoluzione di Febbraio

C’è anche un secondo evento storico che si associato all’8 Marzo, ossia La Rivoluzione di febbraio. In Russia, nel1917 durante il terzo anno della prima guerra mondiale, le donne scesero in piazza assieme agli uomini per protestare e abbattere la dinastia monarchica dei Romanov. Il loro coraggio fu straordinario e molte di loro rimasero vittime di questa rivolta.

3. La prima festa della donna

Anche se già in precedenza fu festeggiata in diversi modi e maniere, bisogna aspettare il 1910 per avere una Festa della Donna ufficiale. Durante la Conferenza Internazionale della Donna a Copenaghen, infatti, fu proposto di scegliere una giornata comune da dedicare alla popolazione femminile. Non venne però stabilita una data condivisa, e si continuò a festeggiare ovunque nel mondo in giornate diverse. Successivamente, nel 1977, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite invitò tutti i paesi a scegliere un giorno comune per la ricorrenza e la decisione cadde sull’8 marzo.

4. La prima festa della donna in Italia

In Italia la Festa della donna arrivò in ritardo rispetto agli altri paesi. Fu il Partito Comunista nel 1922 a organizzare una giornata delle donne per il 12 Marzo. Da qui, tuttavia, inizierà il periodo fascista Fascista e per 20 anni circa questa festa ha avuto solo una valenza politica non percepita dalle donne.
Per festeggiare la prima festa della donna nel nostro paese libero, si dovrà aspettare fino all'8 Marzo 1945. Infatti, in quell'anno, le donne hanno conquistato il diritto di voto anche in Italia. L’anno successivo, inoltre, l’anno successivo verrà fondata a Roma l’UDI (Unione delle Donne Italiane).


5. Perché la mimosa?

La scelta della mimosa come simbolo di questa festa è stata presa dall’UDI perché questo è il fiore più bello ed economico che germoglia nel mese di Marzo. Inoltre il suo profumo e il suo colore si addicono pienamente alla festività gioiosa dedicata alle donne.

6. I festeggiamenti nel mondo

Ogni Paese del Mondo si differenzia nel modo in cui festeggia la festa della donna. Ad esempio è un’usanza organizzare degli spettacoli pirotecnici in Russia, in Perù tutte le strade diventano teatro di donne che festeggiano allegramente. In Vietnam, per la ricorrenza, si condivide il cibo sul luogo di lavoro. In Africa la festività ha preso piede e vengono organizzati svariati eventi culturali e artistici dalle associazioni femminili che durano anche 7 giorni.

Auguri a tutte le Donne!


Alessio Faraglia

Potrebbe Interessarti
Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta