La maturità 2021 può essere annullata? Cosa prevede la Costituzione

Paolo Ferrara
Di Paolo Ferrara
La maturità 2021 può essere annullata? Cosa prevede la Costituzione

Dopo l’emergenza sanitaria da Covid-19 il mondo scuola ha conosciuto non poche difficoltà tra problemi nell’erogazione della didattica a distanza e impossibilità strutturali per permettere il normale svolgimento dell’Esame di Stato. Di fatto, gli studenti che si sono diplomati lo scorso giugno non hanno potuto sostenere le prove scritte, circoscrivendo la maturità ad un unico esame orale.
Date le attuali disposizioni governative di contrasto al virus, è possibile annullare la Maturità 2021? Vediamo insieme cosa dice la Costituzione italiana.

Guarda anche


Maturità 2021: ecco perché è difficile annullare l’esame di Stato


È recentissima la notizia legata all’annullamento dell’esame di Stato francese e studenti e studentesse si domandano perché questo non potrebbe accadere anche in Italia. La situazione emergenziale, infatti, continua la sua corsa senza sosta non permettendo la ripresa di tutte le attività in presenza. Ma è possibile fare lo stesso in Italia? La risposta non è scontata e trova una spiegazione proprio nella Costituzione: l’articolo 33, infatti, recita: “È prescritto un esame di Stato per la ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi”. Tale discorso è esteso all’esame di terza media, ovvero quello previsto per la conclusione della secondaria di primo grado, e per l’esame di quinto superiore, ovvero quello previsto per la conclusione della secondaria di secondo grado. Trattandosi di un'espressione costituzionale, eliminare l’esame di Stato significa necessitare di una legge costituzionale e non di un semplice decreto ministeriale. Nello specifico, è richiesta una procedura lunga e complessa che potrebbe durare anche un paio di anni. In definitiva, si potrebbero eliminare gli esami di Stato attraverso una riforma ordinamentale o una legge costituzionale ma l'annullamento non partirebbe mai dalla Maturità 2021.



Esame finale della primaria: perché non si fa più


L’esame finale della quinta classe della primaria è stato eliminato attraverso una legge costituzionale? La risposta è negativa. Nei primi anni 2000, infatti, il problema fu aggirato in quanto la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado furono aggregate in un unico ciclo di istruzione, rimandando l’esame finale solo in conclusione dei tre anni della secondaria di primo grado. Fino al 1977, inoltre, la scuola primaria era articolata in due cicli ed era previsto un esame anche alla fine della seconda classe. Quest’ultimo fu abolito con la legge 517 che cancellò la divisione in due cicli.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Continua a seguirci e scopri chi sarà l'ospite della prossima live!

27 gennaio 2021 ore 15:00

Segui la diretta