Recensione Storia di una ladra di libri”


Storia di una ladra di libri

Autore: Markus Zusak è uno scrittore nato a Sydney nel 1975 e tuttora vivente. Alcuni tra i sui romanzi più famosi sono dedicati alla lettura giovanile, tra cui il best-seller pubblicato nel 2005 “Storia di una ladra di libri”, da cui è stato tratto un film nel 2013. Probabilmente per scrivere il romanzo Zusak ha utilizzato i ricordi e le esperienze vissuti dai genitori, entrambi di origine tedesca, riguardanti la Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.
Titolo: Il titolo del libro è La “Storia di una ladra di libri”. Esso rispecchia in modo implicito l’ossatura della vicenda dello scritto, in quanto la storia si basa su un personaggio che scopre una passione per la lettura e attraverso i libri che legge o che “prende in prestito”, ricorda le esperienze da lei vissute.

Casa editrice: Frassinelli.
Città e anno di pubblicazione: L’anno di pubblicazione del libro Storia di una ladra di libri è il 2005.
Genere del libro Storia di una ladra di libri: Il testo narrativo è un romanzo realistico storico perché è ambientato in un epoca antecedente a quella dell’anno di pubblicazione e perché le vicende dei personaggi si svolgono in contesti storici realmente accaduti.
Personaggi principali: Vari sono personaggi che caratterizzano l’intreccio del romanzo. Tutti hanno una caratteristica in comune: le azioni che compiono e le loro caratteristiche sono strettamente legate al corso degli eventi che stanno vivendo. Nel libro ci sono fornite più descrizioni caratteriali e morali che fisiche.
Liesel Meminger: E’ la protagonista della storia. E’ una bambina di 10 anni, costretta a superare momenti molto duri fin dai primi eventi del romanzo, come la morte del fratello, ma che nasconde, dietro i suoi iniziali silenzi, un carattere forte, determinato e audace. La passione di Liesel per le parole la conduce a diventare una piccola ladra di libri, che li considera come degli scrigni preziosi in cui rifugiarsi nei momenti più difficili.
Hans Hubermann: E’ il papà della protagonista. E’ un personaggio fondamentale per lo sviluppo della storia perché aiuta Liesel e la rassicura in ogni momento, ottenendo così un importante legame affettivo con la bambina, inoltre le insegna a leggere. E’ un uomo dolce e buono che però dimostra in più occasioni il suo carattere sottomesso alla moglie. E’ un uomo alto, ama suonare la fisarmonica e ama fumare le sigarette e arrotolarle ed è un imbianchino.
Rosa Hubermann: E’ la mamma della protagonista. E’ una donna senza dubbio volgare, severa, violenta nei rapporti con altre persone e che non esita a picchiare violentemente sua figlia adottiva ma allo stesso tempo impara a voler bene a Liesel, come ne vuole a suo marito. Anche Rosa ha un carattere determinato e non si nasconde davanti ai problemi che la sua famiglia e lei devono affrontare, come alla scelta del marito di nascondere un ebreo in casa, decisione a cui Rosa non appare minimamente contraria. E’ una donna tozza, alta un metro e cinquantacinque centimetri, dall’aspetto “di un piccolo armadio con il cappotto” e portava i capelli grigio-bruni raccolti in una crocchia.
Max Vandenburg: E’ anch’esso un personaggio molto importante per Liesel poiché contribuisce alla sua formazione e funge da figura di sostegno per la protagonista. E’ un ex-pugile.
Rudy Steiner: E’ il migliore amico di Liesel, il ragazzo della porta accanto, l’unico a non prenderla in giro nella classe. E’ ossessionato dall’atleta di colore americano Jesse Owens. Diventa presto complice della bambina, talvolta l’istigatore dei suoi furti. La loro amicizia è un ingrediente fondamentale per il continuo della storia perché entrambi si sostengono e si aiutano nei momenti più difficili. E’ di otto mesi più grande di Liesel, ha le gambe ossute, denti aguzzi, occhi azzurri e capelli color limone.
Ambiente: La storia si svolge principalmente nella cittadina tedesca di Molching, nella Himmelstrasse, una via abitata prevalentemente da gente povera, e nella casa degli Hubermann. Nel romanzo La storia di una ladra di libri prevalgono gli spazi esterni, ma giocano un ruolo fondamentale nella vita della protagonista gli spazi interni. Infatti la casa degli Hubermann rappresenta uno spazio molto utilizzato nel romanzo, poiché la maggior parte dei personaggi principali ci trascorre molto tempo. Gli ambienti sono realistici e molto importanti per i personaggi, in quanto determinano i loro comportamenti, sono descritti attraverso le esperienze vissute dai protagonisti del romanzo e trasmettono i sentimenti dei protagonisti, ad esempio lo scantinato della casa degli Hubermann rappresenta un luogo di serenità poiché Liesel trascorre molto tempo lì imparando nuove parole.
TEMPO: La storia de La storia di una ladra di libri si svolge durante la seconda guerra mondiale, tra il 1939 e il 1943.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email