Ominide 2984 punti

Gli autori di favole

Le favole , narrazioni con morale e animali protagonisti, appartengono alle tradizioni di popoli differenti. Fu nel mondo antico, presso i Greci e i Romani, che si sviluppò la tradizione della favola classica. Il primo autore della cultura occidentale a cui viene attribuita una raccolta di favole è il greco Esopo, che la tradizione presenta come uno schiavo deforme e balbuziente. Sin dall’antichità furono attribuite a Esopo circa quattrocento favole, che probabilmente sono state scritte da persone diverse a noi sconosciute. Questi racconti, molto brevi, che si concludono con un insegnamento morale, diventarono bene presto popolari e venivano usati a scuola come primo libro di lettura, accanto ai poemi attribuiti a Omero. La raccolta delle favole di Esopo costituisce una fonte importantissima per tutti gli autori di favole e fissa un modello che sarà imitato nei secoli successivi, per esempio da Fedro, autore latino del periodo di Augusto. Fedro è l’altro grande autore della favola classica. Scrisse cinque libri di favole in versi, in parte ispirate direttamente a Esopo: ce ne sono pervenute circa cento. Fedro fu popolare nell’antica Roma e forse alcune favole gli crearono difficoltà e nemici, perché nella loro morale alludevano all’oppressione degli umili da parte dei potenti. Sia le favole di Esopo sia quelle di Fedro, entrambi schiavi liberati, sono espressione delle classi popolari; probabilmente la scelta di animali parlanti come protagonisti costituiva un espediente per poter criticare e colpire i più ricchi senza esporsi troppo direttamente. Anche il grande Orazio scrisse alcune favole. Le inserì in una delle sue opere principali : le Satire. Celebre è il topo di campagna e il topo di città. La tradizione favolistica si mantenne viva per tutto il Medioevo , come è testimoniato dal successo de il romanzo di Renard, un insieme di favole con animali parlanti che esaltano l’astuzia e il gusto per l’avventura. E’ soprattutto nella Francia del Seicento che la tradizione favolistica rivive con Jean de la Fontaine, scrisse un celebre libro di favole in versi, ispirate a quelle di Esopo e Fedro, nelle quali rappresentò vizi e virtù degli uomini in generale e criticò con arguzia e ironia i comportamenti sociali dei nobili del suo tempo. Tra gli autori dell’Ottocento che hanno scritto favole possiamo ricordare il celebre scrittore Robert Louis Stevenson e soprattutto il russo Lev Tolstoj. La popolarità delle favole tradizionali si è mantenuta viva sino ai giorni nostri e non sono mancati autori che, con intenti diversi, hanno scritto storie con animali come protagonisti. Tra coloro che si sono esplicitamente rifatti alla tradizione della favola classica, possiamo ricordare l’italiano Carlo Alberto Salustri, noto come Trilussa, e lo statunitense James Thurber.

Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017