VIP 2446 punti

GERMANIA: Lo sviluppo economico

Nonostante la crisi globale del 2008-2010 che ne ha rallentato lo sviluppo,quella tedesca è la più forte economia dell’Europa. La Germania è la terza potenza industriale del mondo,dopo Cina e Stati Uniti, e nella sua economia hanno un’importanza enorme le esportazioni, che nel 2010 rappresentavano da sole circa il 47% del PIL.
In passato il suo sviluppo è stato favorito dalla presenza di ricche miniere di carbone,oggi sempre meno sfruttate. Nel 1989,anno della riunificazione,l’economa della Germania dell’Est era sull’orlo del collasso: per ridurre le differenze economiche tra Est e Ovest gli 11 Lander occidentali dal 1991 hanno versato a quelli orientali circa 300 miliardi di euro.
Inoltre,come altre zone dell’UE (per esempio,le regioni meridionali italiane), anche i Lander orientali hanno beneficiato di cospicui fondi europei.

Le attività

La principale produzione agricola è quella di cereali, dall’orzo (quarto produttore mondiale) al frumento. Notevolissimo è l’allevamento intensivo di bovini e di suini. Tutti i settori industriali sono sviluppati, ma la meccanica e la chimica hanno dimensioni colossali: la Germania è il quarto produttore mondiale di automobili e il terzo di prodotti chimici. Questi primati derivano anche dai grandi investimenti nella ricerca scientifica. Un tempo ricca di carbone oggi per produrre elettricità la Germania usa idrocarburi e centrali nucleari,ma è anche uno dei Paesi europei che sfrutta di più l’energia solare ed eolica.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email