VIP 2446 punti

LA CAMPANIA E I RIFIUTI TOSSICI

Il sud è il capolinea di tutti gli scarti tossici,i rimasugli inutili,le feccia della produzione.
Se i rifiuti sfuggiti al controllo ufficiale secondo la stima di Legambiente fossero accorpati un un’unica soluzione,nel loro complesso diverrebbero una catena montuosa da quattordici milioni di tonnellate: praticamente una montagna di 14 600metri con una base di tre ettari.
Questa montagna di rifiuti, sfuggita ai registri ufficiali ,sarebbe la più grande montagna esistente sulla Terra.
Una catena montuosa che si è dispersa per la parte maggiora nel Sud Italia, nelle prime quattro regioni con il numero più alto di reati ambientali: Campania, Sicilia,Calabria e Puglia. La zona più colpita dal cancro del traffico dei veleni si trova i comuni di Grazzanise Cancello Arnone, Santa Maria cento chilometri quadrati di estensione e nel perimetro napoletano di Giugliano, Qualiano, Villaricca, Nola, Acerra e Marigliano.

Nessun altra terra nel mondo occidentale ha avuto un carico maggiore di rifiuti, tossici e non tossici versati illegalmente. Grazie a questo business, il fatturato piovuto nelle tasche de clan e dei loro mediatori ha raggiunto in quattro anni 44 miliardi di euro.
Un mercato cha ha avuto negli ultimi tempi un incremento complessivo del 29,8% ,paragonabile solo all’espansione del mercato della cocaina.
Dalla fine degli anni ’90 i clan camorristici sono divenuti i leader continentali nello smaltimento dei rifiuti. La parte più consistente dei traffici di rifiuti tossici ha un vettore unico: nord-sud.
Dalla fine degli anni ’90 diciottomila tonnellate di rifiuti tossici partiti da Brescia sono stati smaltiti tra Napoli e Caserta e un milione di tonnellate, in quattro anni,sono tutte finite a Santa Maria Capua Vetere.
Da nord verso sud i clan riescono a drenare di tutto: le scorie derivanti dalla metallurgia termica dell’alluminio,le pericolose polveri di abbattimento fumi,in particolare quelle prodotte dall’industria siderurgica, dalle centrali termoelettriche e degli inceneritori, le morchie di verniciatura,i liquidi reflui contaminati da metalli pesanti, amianto,terre inquinate provenienti da attività di bonifica che vanno ad inquinare altri terreni contaminati.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email