Ominide 4554 punti

Moto circolare uniforme


Il moto circolare uniforme è caratterizzato da un movimento circolare e, a differenza del moto rettilineo uniforme non si muove a velocità costante. Esso è detto uniforme perché

Modulo della velocità costante = costante

il moto circolare uniforme è un moto con movimento circolare e un modulo di velocità costante.

Delta v = v2 meno v1
a = delta v / delta t = v2-v1 / delta t
Se dividiamo o moltiplichiamo un vettore e uno scalare otteniamo sempre un vettore, quindi dividendo la velocità, che è una grandezza vettoriale, per il tempo, che è una grandezza scalare, otteniamo l’accelerazione, che è una grandezza vettoriale.

L’accelerazione


L’accelerazione permette di descrivere correttamente il moto circolare uniforme e permette di capire quale causa l’abbia determinata. Nel moto circolare uniforme influiscono diversi fattori:
- la forza centripeta: il termine centripeta deriva da due termini latini, centrum petere, che vuol dire chiedere qualcosa. In fisica il termine si utilizza per indicare una forza diretta verso qualcosa;
- periodo: tempo. Il periodo si misura in secondi;
- frequenza: numero di giri che si riesce ad effettuare in un secondo. La frequenza si misura in 1 / secondi, o HZ.
v= 2 p greco r.

Funzioni goniometriche di un angolo


Considerando un triangolo rettangolo:
Viene chiamato seno dell’angolo beta il rapporto tra la lunghezza del cateto AC e la lunghezza del segmento BC, che è l’ipotenusa
Viene denominato seno dell’angolo gamma il rapporto tra il cateto AB e l’ipotenusa BC
Il rapporto tra un cateto e l’ipotenusa è pari al seno dell’angolo opposto.
Il coseno di beta è il rapporto tra il cateto AB e l’ipotenusa BC; il coseno di alfa è il rapporto tra il cateto AC e l’ipotenusa BC.
In un triangolo rettangolo il rapporto tra un cateto e l’ipotenusa e pari al coseno dell’angolo adiacente.
In un triangolo rettangolo, gli angoli acuti hanno le stesse funzioni goniometriche incrociate.
Due angoli complementari si scambiano seno e coseno. Da ciò ricaviamo un’altra formula:
Seno di Beta / Coseno di Beta = AC/BC / AB/BC = AC /BC
Il rapporto tra due cateti è uguale al rapporto seno-coseno di due angoli opposti.
In un triangolo rettangolo le tangenti goniometriche degli angoli acuti sono l’una reciproca dell’altra.
Gli angoli complementari hanno quindi tangenti reciproche.
Hai bisogno di aiuto in Meccanica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email