Ominide 13147 punti

La distinzione tra Hobbes e Locke deriva, soprattutto, dal diverso periodo storico in cui sono vissuti. L'Inghilterra del Seicento di:

Hobbes: è dominata da una vera e propria guerra civile, cruenta e sanguinaria, fra fazioni interne: l'aristocrazia anglicana schierata con la monarchia e la borghesia puritana schierata con il parlamento. Lo stato nasce per garantire la sicurezza e il diritto alla vita dei propri sudditi, tramite il sovrano, poichè nello stato di guerra tutti contro tutti vige lo ius in omnia e l'uomo è lupo per l'altro uomo in quanto naturalmente egoista. Hobbes teorizza un modelli di STATO ASSOLUTO.

Locke: è definita della 'gloriosa rivoluzione', perché senza spargimento di sangue, che segna la fine di una monarchia oppressiva e la nascita della monarchia parlamentare. Ormai il diritto alla vita è acquisito, quella minacciata è la libertà: c'era stato il tentativo degli Stuart di proporre una monarchia assoluta sul modello del Re Sole, in Francia. Lo stato nasce per proteggere i diritti naturali degli uomini: alla vita, alla libertà e alla proprietà privata, se viene violata la legge di reciprocità dello stato di convivenza pacifica in cui gli uomini sono naturalmente socievoli. Locke teorizza un modello di Stato liberale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email