Che cos'è la filosofia del diritto?

A che cosa serve la filosofia del diritto?

I filosofi del diritto hanno scritto molto per cercare di spiegare e di rispondere.
"La filosofia del diritto è la filosofia che si occupa del diritto. Al di là di questa definizione volutamente banale, iniziano le controversie tra i filosofi del diritto per i quali la natura della propria disciplina è essa stessa oggetto di indagine e discussione. Non è pertanto possibile esprimere in modo neutrale i problemi della filosofia del diritto."
Esaminiamo l'affermazione di Jori. I filosofi hanno scritto molto sull'oggetto della materia, che cosa sia la filosofia del diritto dipende da una serie di opzioni valutative, che cosa si intende per filosofia del diritto, cosa si intende per diritto, per formare i giuristi, se la filosofia del diritto debba o non debba avere una specifica utilità per i giuristi/ oggetti.
È una questione controversa, la sua soluzione dipende da scelte di valore degli stessi soggetti.
Per uscire dall'eccessiva astrazione si cercherà di capire l'utilità di quello che studiamo.
Guardiamo a 2 autori, tutti molto importanti Lon Fuller, Norberto Bobbio.
2 autori che hanno fornito una risposta alla domanda che cos'è la filosofia del diritto.
1. Lon Fuller (June 15, 1902 – April 8, 1978) è stato un giurista americano, (L'Italia (anche in spagna) è un paese dove esistono i filosofi del diritto come mestiere, in altri paesi la filosofia del diritto è insegnata da chi insegna anche una materia del diritto positivo.), professore di diritto privato e commerciale in atenei americani. Ha dato grandi contributi e creato importanti dibattiti. Sosteneva che per lui la filosofia del diritto, fare filosofia del diritto significava " Sebbene esistano indubbiamente molti modi legittimi di definire la filosofia del diritto, crediamo che quello più utile consista nel concepirla come quel tentativo di indirizzare in modo proficuo e soddisfacente l'impiego delle energie umane nel diritto. Visto in quest'ottica il compito della filosofia del diritto è allora quello di decidere quale sia il miglior modo di impiegare la vita professionale sua e dei suoi colleghi giuristi". Traiamo alcune conseguenze, il filosofo del diritto è tale perché è un giurista tra i giuristi, non altro da i giuristi, ma un giurista che può nella sua specificità filosofica, tentare di indirizzare nella maniera migliore la sua vita professionale e quella dei suoi colleghi.
È una definizione abbastanza generica, un modo di leggere il filosofo del diritto è di quello che sta dentro i problemi di diritto, non è un esterno.

2. Norberto Bobbio (Torino, 18 ottobre 1909 – Torino, 9 gennaio 2004) è un filosofo del diritto, è stato professore di filosofia del diritto, per poi passare alla filosofia politica. Si è cimentato con l'interrogativo "che cos'è la filosofia del diritto"- esordisce nel suo saggio dicendo che cercare una definizione di filosofia del diritto è un'inutile perdita di tempo. E a partire da questa premessa non fornendo una definizione espressa, preferisce individuare una serie di oggetti, di situazioni di cui si occupano i filosofi del diritto. La filosofia del diritto in quanto tale, è una costruzione recente, riconduce gli inizi alla prima metà dell'800, ma aldilà delle origini recenti, Bobbio individua alcuni oggetti tipici di analisi della filosofia del diritto e individua 2 diversi atteggiamenti.

Oggetti di indagine: l'analisi degli oggetti ci dà un quadro molto ampio, invece gli atteggiamenti ci danno un'immagine articolata e fortemente dicotomica (bipartita). Anni 50/60 del 1900.
-Quando un giudice lavora alle sue spalle ha scritto che "la giustizia è uguale per tutti", la sentenza ha fatto giustizia o la sentenza è ingiusta. Considerazione in termine di giusto o ingiusto. Una dimensione tipica di indagine della filosofia è quella della giustizia.
• Secondo oggetto di indagine, secondo Bobbio è quello che ci occuperà per la terza parte del corso: i concetti giuridici fondamentali, definiti da Bobbio "analisi e definizioni di nozioni generali comuni a tutti gli ordinamenti giuridici", norma obbligo, ordinamento giuridico, potere, ordinamento soggettivo quello che chiamiamo la teoria generale del diritto, come parte della filosofia.
• Terzo oggetto di studio: sociologia del diritto ovvero lo studio del diritto come fenomeno sociale.
• Quarto campo di indagine (dice Bobbio) è costituito dallo studio della scienza giuridica. La filosofia del diritto si occupa della scienza giuridica, cosa significa occuparsi della scienza giuridica, se, ed eventualmente in quale senso la scienza giuridica possa essere o meno una scienza, secondo un paradigma di scienza con il quale siamo abituati a considerare.
Questi sono 4 oggetti con i quali i filosofi del diritto si misurano.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email