Zenone

Discepolo di Parmenide nato ad Elea intorno al 490 a.C., difende le tesi del maestro dai suoi critici, contestando la realtà della molteplicità e del mutamento sostenute dai fisici pluralisti( = sostenitori di principi molteplici).
I fisici pluralisti sono:
- I Pitagorici: i numeri
- Empedocle: 4 elementi( aria, acqua, fuoco, terra)
- Anassagora: i semi ( omeomeria)
- Democrito: gli atomi
A parere di Zenone, sostenere la realtà di questi aspetti conduce a conclusioni ancora più assurde e contraddittorie. Lui per rispondere alle polemiche porta avanti gli argomenti con un ragionamento per assurdo, dando cosi vita a un nuovo metodo (paradosso = contro l’opinione).
Elementi di polemica :
- Molteplicità : porta a conseguenze paradossali ( non accettabili per noi).
Gli argomenti che Zenone presenta sono due :
1° argomento:se si ammette che le cose sono molte , esse dovrebbero essere tante quante sono , quindi il loro numero dovrebbe essere finito , ma il loro numero non può che essere infinito perché fra le une e le altre cose vi saranno altre cose fino all’infinito;

2° argomento:
se si ammette che le cose sono composte da più elementi, o questi elementi non hanno grandezza, ma allora le cose composte da elementi senza grandezza non avrebbero a loro volta alcuna grandezza, cioè non esisterebbero; oppure questi elementi hanno una grandezza, ma allora le cose, finite, essendo composte da infiniti elementi, avrebbe un’ infinita grandezza.
- Il movimento
Zenone presenta quattro argomenti:
1° argomento: Dictomia ( divisione a metà)
Partendo dall’ ipotesi della divisibilità infinita dello spazio; un oggetto in movimento non potrà superare una distanza, anche se questa è minima e la sua velocità altissima, in quanto dovrà prima coprire il numero infinito di punti di cui è composto quello spazio, quindi dovrà impiegare un tempo infinito;
2 ° argomento: Paradosso di Achille e la tartaruga
Secondo il quale Achille non potrà mai raggiungere e superare la tartaruga. Prima, egli deve raggiungere il punto da cui questa è partita, ma durante il tempo in cui egli fa questo, la tartaruga si è spostata più avanti. Achille si avvicinerà sempre più alla tartaruga senza però mai raggiungerla;
3° argomento:
Afferma per assurdo che una freccia in movimento sarebbe in realtà ferma, questo argomento implica la scomposizione del tempo in unità minime, cioè in un unità- istante, durante le quali la freccia potrebbe essere considerata ferma, in quanto ciò che in un istante occupa uno spazio uguale a se stesso, non è in moto ma è fermo: così la somma di istanti che costituisce il tempo sarebbe la somma di momenti di immobilità, la quale non costituisce un movimento.
4° argomento: Stadio
Due corpi A e B si muovono con uguale velocità e in direzioni opposte, ma percorrono lo stesso spazio a partire da C. I corpi A e B però credono di aver percorso il doppio, questo dipende dal punto di vista, infatti il corpo C sa che entrambi stanno percorrendo lo stesso spazio( relatività dell’ osservatore)

La realtà avviene in modo continuo e non può essere divisa.
Quindi lui scopre che ci sono due piani:
- Piano mentale- astratto ( posso dividere)
- Piano reale ( avviene il movimento)

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email