Ominide 22 punti

Platone - Vita

~il suo vero nome é Aristocle,viene chiamato Platone a causa della sua larga fronte o delle sue larghe spalle(dal sostantivo greco "plátos" che significa larghezza)
~il più grande discepolo di Socrate
~si conservano tutte le opere(80% autentiche,20% con dubbi sull'autenticità )
~nasce nel 427/428 a.C. da una ricca e aristocratica famiglia ateniese impegnataattivamente nella politica.Tra i parenti di Platone troviamo: Solone(legislatore), Codro(re di Atene), Crizia(sofista e suo zio)
~ha una buona istruzione :conosce i poeti(considerati degli educatori),le tragedie greche,la filosofia di Pitagora,Parmenide,Democrito e dei sofisti.
~la figura centrale é Socrate :segna la sua attivitá di filosofo
~vive nell'Atene formata da Pericle:fondatore della democrazia. Si diffonde sempre più la pratica della scrittura anche se non viene abbandonata la pratica orale e comunicativa. Gli ateniesi si univano mosto spesso in assemblee,in piazza o in teatro che creava abitudine all'incontro e al dibattito fin da giovani .Ciò poteva avvenire anche grazie al clima serale mite.
~dopo la morte di Pericle, Platone subisce il conflitto tra Sparta e Atene. Un conflitto che era sia corporea che ideologico tra partito spartano e filospartano(più conservatore)
~nell'infanzia,giovinezza e prima maturità è perennemente in contatto con la guerra: a 5 anni Atene conquista Skione, i maschi furono uccisi mentre donne e bambini venduti come schiavi. A 11 anni gli abitanti di Melo subiscono gli stessi trattamenti . Nel 415 durante una spedizione militare in Sicilia, l'esercito ateniese subisce un altro grave sconfitta. Nel 404 Atene venne sconfitta nel Peloponneso dagli spartani, questi furono più clementi e imposero un governo oligarchico filospartano "dei 30 tiranni" che rimane in carica per soli 10 mesi.~ Platone non versa alcuna lacrima per la fine della democrazia poiché è un aristocratico e tra i 30 tiranni c'è anche suo zio Crizia.
~guarda con entusiasmo il nuovo governo,ma rifiuta di partecipare
~solamente successivamente si accorge che questi governano con la forza,la violenza, l'inganno e dominala corruzione. Platone rimane deluso
~successivo al governo "dei 30 tiranni" riprende il comando la demoscrazia. Questa accusa Socrate della manipolazione dei giovani. Socrate viene condannato a morte nel 399
~Platone non ha più fiducia nella politica e non si impegna in quest'ambito. Si dedica alla formazione di uno stato ideale giusto che é aristocratico
~nel 388 va in Sicilia ,a Taranto, dove conosce un pitagorico di nome Archita, il tiranno che governa la cittá. Successivamente si reca a Siracusa dove il tiranno Dioniso lo aveva invitato alla sua corte dal moment che cercava di stringere un connubio tra filosofia, cittá e politica. Dioniso non ascolta Platone così il filosofo cerca di insegnare al figlio di Dioniso ,ma anche questo non capisce. Platone viene allora imprigionato e poi liberato grazie a Archita.
~ nel 387 torna ad Atene e fonda la sua scuola chiamata "Accademia". Si poteva entrare solo se si conoscevano la matematica è la geometria. É una scuola cn finalità politiche, ma in apparenza é un'associazione religiosa dedicata al culto delle Muse
~ muore nel 347 a.C. ad Atene
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email