Mongo95 di Mongo95
Ominide 5139 punti

Importante anche la questione delle fonti. I filosofi arabo-musulmani utilizzavano i testi sacri (fondamentalmente il Corano), così come i testi indiani scientifici o quelli della civiltà perso-zoroastriana. Naturalmente anche del mondo greco.
Il processo di traduzione delle opere antiche inizia all’inizio del IX secono per volere del califfo al-Ma’mum (813-833): egli promuove la nascita della bayt al-hikma, la “casa della sapienza”, l’istituzione che si impegna nella traduzione delle opere greche. Esse non venivano tradotte direttamente dal greco, ma dal siriaco. Inizialmente ci si concentrò sui testi scientifici, di astronomia-astrologia e medicina. Soltanto in seguito si passa ai “filosofi” in senso stretto, con un processo che dura fino alla fine del X secolo.
I presocratici erano quasi ignoti. Socrate venne conosciuto (dato che non scrisse nulla) tramite i testi di Platone, Aristotele e Plotino. Curiosamente, anche nel mondo arabo-islamico aveva fama del saggio per antonomasia: uomo virtuoso, che in quanto a saggezza vive pienamente la vita filosofica. In ogni caso, i due “mostri sacri” erano Platone e Aristotele.

Così come nell’Occidente altomedievale, di Platone si conosceva ben poco, se non il Timeo. Le sue dottrine si conoscono grazie ai “compendi”, come quelli di Galeno. Nonostante ciò era detto “il divino”.
Aristotele invece era quasi tutto tradotto, tranne La Politica. Tanto noti erano i filosofi tardo-greci, come Plotino (e la sua teoria di tipo emanatistico) e Proclo (esoterico neoplatonico)
Circolavano anche due libretti, detti Theologia Aristotelis e Liber de causis. Il primo era in realtà un sunto delle Enneadi di Plotino, mentre il secondo era un derivato dalla Elementatio teologica di Proclo.
Si capisce quindi che gli arabo-musulmani confondevano opere ed autori, producendo così una sintesi di aristotelismo e neoplatonismo. al-Farabi per esempio genera una metafisica neoplatonica su base fisica aristotelica. Non c’era una vera comprensione della differenza tra Platone e Aristotele: lo stesso al-Farabi scrive un opera in cui afferma che le filosofie dei due erano nella sostanza identiche.
La filosofia arabo-islamica è quindi un meticcio tra aristotelismo e neoplatonismo.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove