Ominide 39 punti

Le due maggiori scuole del pensiero del periodo ellenistico sono sicuramente lo stoicismo e l'epicureismo. La prima corrente filosofica viene fondata da Zenone di Cizio ed il nome 'stoicismo' è di derivazione greca: Stoà poikìle, portico dipinto, nel quale si tenevano le lezioni. Il secondo ha come fondatore Epicuro, le cui lezioni si tenevano nel suo giardino ed appunto i suoi seguaci si chiamarono ''filosofi del Giardino''. Entrambe le scuole, coeve, nascono nel IV secolo a. c. in Grecia ed entrambe hanno come scopo il raggiungimento da parte dell'uomo di una vita libera e felice. Inoltre, rispetto ai pensatori precedenti, costruiscono il loro sistema ontologico in modo ordinato, strutturandolo in; teoria della conoscenza, fisica ed etica. I cammini delle due scuole si dividono nel modo di affrontare la vita sociale: entrambe hanno come fine la felicità dell'uomo ma mentre gli epicurei seguono il precetto ''vivi nascosto'', gli stoici affermavano che fosse dovere del saggio partecipare attivamente alla vita della società. Altra differenza sta nella considerazione delle divinità: mentre gli stoici credono in una forma di determinismo, gli epicurei sostengono che gli dei vivano negli spazi intermundia e che non si curino minimamente del mondo e dei fenomeni che avvengono in esso. Stoici ed epicurei inoltre, si differenziano a loro volta dagli aggressivi cinici e scettici, anch'essi del periodo ellenistico, apparendo a differenza loro dogmatici e un po' conservatori.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email