Mongo95 di Mongo95
Ominide 2075 punti

Nell’Unione Europea i poteri sono così ripartiti:
a) Funzione legislativa: Consiglio e Parlamento
b) Funzione esecutiva: Commissione
c) Funzione di controllo politico: Parlamento
d) Funzione giurisdizionale: Corte di giustizia
1. Consiglio europeo
Ha come funzione quella di dare impulso allo sviluppo dell’Unione. Non possiede potere legislativo. Si tratta quindi di un organo politico: in un documento redatto dopo le sue riunioni (due volte a semestre), se ritiene prioritaria una determinata politica, emana delle conclusioni, per dare delle indicazioni al riguardo agli altri organi. È un istituzione che riunisce i Capi di Stato o di governo degli Stati membri e il Presidente della Commissione. Il suo Presidente ha mandato di 2 anni e mezzo. Comprende anche l'Alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri.

Parlamento europeo

È composto dai rappresentanti dei cittadini degli Stati dell’Unione (751 membri, di cui uno è il Presidente). Ogni cittadino europeo può farsi votare e farsi nominare in qualsiasi Stato dell’Unione. L’elezione avviene a suffragio universale (dal 1979) e il mandato dura 5 anni.
L’elettorato attivo comprende anche cittadini di altri Stati membri che hanno ottenuto l’iscrizione nell’apposita lista elettorale del Comune italiano di residenza. Al Parlamento si viene eletti con un sistema elettorale di tipo proporzionale. Poi, in seguti alle elezioni, al suo interno si formano vari gruppi parlamentari composti da varie nazionalità. La funzione del Parlamento è quella legislativa (procedura legislativa ordinaria) insieme al Consiglio, con cui condivide anche la funzione di bilancio. Ha inoltre funzione di controllo della Commissione.

Commissione europea

È l’organo esecutivo. È indipendente, essendo composto da soggetti che non sono legati da un vincolo di rappresentanza di uno Stato membro. Essi però portano nell’istituzione la propria esperienza professionale e la propria facoltà di giudizio autonoma. È un organo collegiale, composto da 28 commissari (un cittadino per ogni Stato membro). Al di sotto di ogni commiswario è presente un'organizzazione amministrativa stabile di funzionari, che si occupano di materie specifiche del “ministero” a cui sono adibiti. La Commissione ha anche funzione di iniziativa legislativa (proposta normativa): propone al Parlamento e al Consiglio, che decidono a maggioranza, con una procedura legislativa ordinaria, in cui hanno lo stesso peso (cioè entrambe hanno diritto di veto), se approvare o meno la norma proposta. Una volta che la proposta è stata approvata, essa sfocia in un atto normativo, che può essere o un regolamento o una direttiva o una decisione. Questi vengono applicati dalla Commissione, che quindi svolge anche funzione di tutela dell'interesse pubblico (amministrativa), con controllo sugli Stati membri, affinchè effettivamente applichino la norma. Essa infatti è attuabile principalmente soltanto dagli Stati membri per carenza di uffici dell'UE.
La Commissione, insieme al Parlamento, applica il bilancio. Ha funzioni specifiche nel campo del coordinamento delle politiche economiche generali degli stati membri.

Consiglio

È un organo di Stati: composto dai soggetti che rappresentano i Governi dei singoli Stati, cioè i Ministri. Non ha una forma propria e precisa, ma si tratta di “consigli settoriali”. Ogni volta che si discute di una norma concernente una determinata materie, si riuniscono i vari Ministri che si occupano di tale materia (es. Consiglio agricoltura; Consiglio trasporti…). È l’organo decisionale dell’Unione. Normalmente decide a maggioranza qualificata. Possiede funzione legislativa insieme al Parlamento; coordina le politiche economiche generali degli Stati membri; approva il bilancio insieme al Parlamento; conclude accordi internazionali tra Unione e Stati terzi o organizzazioni internazionali; si occupa di politica estera e sicurezza comune.
5. Corte di giustizia UE
La Corte di Giustizia ha la funzione di interpretare il diritto comunitario e controlla le amministrazioni degli Stati. Nel caso essi non rispettino il diritto dell’Unione c'è un processo con eventuale multa. Quando bisogna attuare una normativa europea, ogni Stato deve inviare alla Commissione il testo per la normativa interna. Se si decide che la norma europea non è stata ben interpretata e lo Stato non fa niente per correggere l'errore (lo Stato è inadempiente), si ricorre
alla Corte. Inoltre la Corte decide in caso di conflitti tra le istituzioni europee oppure tra l'Unione e gli Stati membri.

Troika

La "Troika" europea è l'unione tra Commissione Europea, BCE e FMI, per risolvere questioni riguardo gli aiuti economici agli Stati, stabilendo anche delle condizioni come contropartita (esempio austerità e riforme economiche). Le risorse arrivano dal Meccanismo Europeo di Stabilità. Si tratta di una procedura non ordinaria, ma atipica, ad hoc. È un’istituzione che viene accusata di mancare di legittimità democratica, eliminando il Parlamento dal processo decisionale.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email