Ominide 37 punti

La tutela del turismo nella Costituzione


Il turismo è una materia di interesse generale in quanto coinvolge un numero elevato di individui , pertanto trova disciplina nella Costituzione italiana agli articoli : 9 “ tutela del paesaggio, del patrimonio artistico e culturale” , articolo 16 “libertà di circolazione, soggiorno ed espatrio” , art 32 “ tutela della salute “, art 36 “ diritto al riposo e alle ferie” ed art 41” libertà di iniziativa economica privata “.
L’iniziativa legislativa dello stato si muove su tre direttrici :
• vigilanza e controllo del settore turistico per garantire la tutela dei turisti e la
salvaguardia del patrimonio culturale e ambientale.
• Sviluppo e tutela del turismo come attività economica per incrementare il suo
ruolo nell’economia del Paese.
• Programmazione e coordinamento delle politiche del turismo attuando il
decentramento in base all’art. 5 della Costituzione .
In base all’articolo 5 della Costituzione “la repubblica è una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali, attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo, adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”.
Col decentramento si ha la creazioni di uffici distaccati che continuano a dipendere dall’amministrazione centrale. In questo modo lo stato può assolvere meglio alle esigenze locali.
Per poter avere una chiara organizzazione del turismo occorre :
• definire una politica del turismo , ovvero stabilire le scelte da adottare e l’ente
competente.
• Stabilire a chi spetta la funzione legislativa
• Stabilire a chi spetta la funzione amministrativa
Prima della Riforma del 2011 del Titolo V della Costituzione l’art. 117 elencava le materie di competenza delle Regioni e quelle concorrente, il turismo era materia di competenza concorrente tra Stato e Regione, e competenza esclusiva delle Regioni a statuto speciale. In seguito alla Riforma l’art.117 oggi elenca le materie di competenza dello Stato e le materie di concorrenza tra Stato e Regione . Il turismo non è elencato in nessuno di essi per tanto è una materia residuale di competenza esclusiva delle Regioni anche se spesso soggetta a limiti e interferenze dello Stato.
Dunque la responsabilità per lo sviluppo e la promozione del turismo spetta alle Regioni che hanno la facoltà di predisporre inter venti legislativi in campo turistico. Dal punto di vista amministrativo, invece , la costituzione non individua le competenze da assegnare ai singoli enti ma stabilisce solo i criteri ed il modo di attribuzione di tali funzioni secondo il principio di sussidiarietà dell’art.118.
In base all’art. 118 della Costituzione “le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite a Province, Città Metropolitane, Regioni e Stato”. Vengono analizzati i diversi livelli di potere e

La sussidiarietà prevede che l’autorità superiore non deve esercitare quelle attività che possono essere meglio svolte a livello inferiore. Pertanto lo Stai interviene quando il su intervento risulta più efficace. Da maggiore potere alle autonomie locali, soprattutto ai Comuni che sono gli enti più vicini ai cittadini. L’amministrazione periferica in materia di turismo può essere svolta sia dagli enti locali sia da enti non territoriali.
Le principali attività svolte dalle Regioni sono :
• programmazione, sviluppo e promozione del turismo locale attraverso piani
triennali.
• Concessione e riconoscimento dei sistemi turistici locali.
• Promozione dell’immagine della regione in Italia e all’estero.
• rilascio di autorizzazioni per l’esercizio di professioni turistiche.
• Finanziamento delle imprese.
I Comuni si occupano :
• promozione di attività ricreative e sportive.

• Gestione di impianti e servizi complementari alle attività turistiche.
• Rilascio e controllo di autorizzazioni per l’esercizio di strutture ricettive.
Le Province sotto delega delle Regioni si occupano:
• vigilanza e controllo delle aperture di agenzie di viaggio.
• Accertamento dei requisiti professionali .
• La raccolta di dati statistici del turismo.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email