Ominide 14357 punti

Lo scarso controllo dei soggetti privati


Quando il legislatore approva una legge che comporta un intervento nei confronti dei soggetti privati, non è sempre in grado di sapere quale impatto avrà tale intervento su di essi.
esempio Si pensi a una legge che imponga ai Comuni di aumentare il numero di chilometri di piste ciclabili nella convinzione che ciò favorisca l’abbandono di un considerevole numero di auto private e, di conseguenza, la riduzione dell’inquinamento nelle aree urbane. Fino a quando non saranno realizzate le piste ciclabili, sarà difficile stabilire quanto tale provvedimento sia efficace. I soggetti privati infatti potranno reagire in modi opposti. In questo caso gli esiti del provvedimento dipenderanno esclusivamente dalla volontà dei cittadini.

I soggetti pubblici possono essere distinti in due grandi gruppi: -quelli che fanno parte di apparati politici a cui si accede attraverso elezione; -quelli che appartengono agli apparati burocratici nei quali si entra attraverso un concorso.
Agli apparati politici, come il Parlamento e il Governo, spetta determinare i fini pubblici da raggiungere per tutelare un pubblico interesse; agli apparati burocratici, costituiti da uffici e organi come l’ufficio tecnico del Comune che deve rilasciare permessi di costruire a chi vuole realizzare un nuovo edificio, compete la scelta dei mezzi necessari per raggiungere i fini scelti a livello politico. I funzionari degli apparati burocratici, però, potrebbero non avere gli incentivi giusti per realizzare gli obiettivi stabiliti a livello politico.
In questo caso, si crea un forte divario tra i fini perseguiti dal legislatore e la concreta attuazione della legge. Nei casi in cui essi non condividono o non hanno interesse a perseguire i fini prefissati, la legge finisce per diventare una semplice enunciazione di principio.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email