Ominide 11986 punti

Rimedi tipici all’inadempimento contrattuale


L’art. 1453 prevede dei rimedi tipici nel caso in cui l’inadempimento abbia luogo nell’ambito di prestazioni sinallagmatiche: qualora, nell’ambito di un contratto a prestazioni corrispettive, uno dei due contraenti sia inadempiente, l’altro può richiedere la risoluzione del contratto e, dunque, l’adempimento dell’obbligazione, oltre al risarcimento del danno.
Tra i contratti non figura la promessa unilaterale. L’art. 1987 dispone che le promesse unilaterali producono effetti obbligatori entro i soli casi previsti dalla legge. Mentre nel caso di inadempimento contrattuale, sulla base di quanto disposto dall’art. 1453, il creditore può pretendere dal debitore inadempiente sia l’esatto adempimento della prestazione sia il risarcimento del danno, nel caso di inadempimento di una promessa unilaterale il creditore può pretendere esclusivamente un’azione di esatto adempimento.
La promessa di pagamento è un atto unilaterale perché produce effetti tipici direttamente previsti dalla legge (la promessa unilaterale riguarda il solo pagamento); la donazione, invece, si configura come contratto perché può avere un contenuto atipico (è possibile donare ogni sorta di bene). l’art. 1324 dispone che, «salvo diverse disposizioni di legge, le norme che regolano i contratti si osservano, in quanto compatibili, per gli atti unilaterali tra vivi aventi contenuto patrimoniale.».
Le obbligazioni hanno un contenuto accessorio e un contenuto principale:
- il contenuto principale è quello espressamente individuato dalle parti o dalla legge (il contenuto principale dell’obbligazione del venditore, ad esempio, è la consegna del bene);
- il contenuto accessorio è invece desumibile dalla natura della prestazione.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email