Ominide 1267 punti

Riconoscimento di un ente ecclesiastico


Gli enti ecclesiastici presenti in Italia sono numerosi (associazioni, fondazioni, ecc.). Nel momento in cui riconosce la personalità giuridica di un ente ecclesiastico, lo Stato effettua dei controlli rigorosi volti ad accertare l’affiliazione dell’ente con il regime di culto cui appartiene.
Lo stato verifica anche la capacità dell’ente di soddisfare le esigenze religiose della comunità che rappresenta.
Effettuati i dovuti accertamenti, il riconoscimento dell’ente è realizzato dal ministro dell’interno con apposito decreto, previo consenso del Consiglio di stato (in passato il riconoscimento avveniva per mezzo di un decreto del Presidente della Repubblica, la disciplina attuale vige dal 1985).

Inoltre, tutte le modifiche dell’ente successive alla creazione devono essere riconosciute dal ministero degli interni. Se, ad esempio, una parrocchia cambia parroco, tale mutamento deve essere attestato mediante decreto del M.I.
Una volta istituiti, gli enti ecclesiastici sono assoggettati alle norme del diritto canonico.
Infine, la dottrina si è chiesta se gli enti ecclesiastici possano incorrere nel fallimento: il professor Cardia ritiene che ciò non possa accadere, ma l’orientamento maggioritario sostiene che questa ipotesi sarebbe da escludere solo se l’ingerenza dello stato fosse inesistente (tuttavia di fatto non lo è).
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email