Video appunto: Professioni legali nel Medioevo

Professioni legali nel Medioevo



Ai litiganti che facevano ricorso alla giurisdizione del re, si impose con il tempo la necessità di individuare ed
incaricare chi gestisse il loro nome la causa – gli attorneys - Che avevano il potere di rappresentanza
processuale della parte da cui erano stati scelti.
Ben distinta quindi dice un’altra figura con un’altra
funzione – i narratores - A cui spettava il compito di esporre in giudizio il caso controverso che aveva
indotto l’attore a rivolgersi al giudice. Dopo assunsero la qualifica di Serjeants per indicare un rapporto di
servizio con il re. Nacquero così i due rami della professione legale:
• Gli attorneys Gli avvocati
• I narratores- serjeants difensori della parte
Il compito del narratore era quello di esporre il caso con tutti i particolari consideranti rilevanti ai fini del
giudizio.

Il convenuto poteva:
• Negare il fatto esposto dal narratore
• Negare solo una parte
• Confermarlo aggiungendo un ulteriore fatto che ne modificava lo svolgimento
• Confermarlo in toto, sostenendo di aver agito in modo conforme alla legge
Nelle prime tre ipotesi il contrasto tra il convenuto all’attore costituiva l’oggetto specifico della pronuncia
della giuria.
n fondamentale elemento nella storia del diritto inglese e l’istituto della giuria popolare, cioè
l’affidamento ai cittadini (Non giuristi) un ruolo centrale nella decisione delle cause giudiziarie. Alla luce di
ciò, la giustizia del re permise infatti al convenuto di potere opporsi alla pretesa dell’attore non con la prova
del duello giudiziario ma ottenendo le grandi assise: ovvero di sottoporre la propria questione ai 12
cavalieri appartenente all’esercito del re, i giurati svolgevano il ruolo di testimoni e non quello di giudici.
Nel campo penale la giuria ebbe un inizio differente, innanzitutto per portare avanti al giudice l’autore di un
crimine vi erano due modi diversi:
• Con l’accusa avanzata dalla vittima del reato o dei suoi familiari
• Con la procedura per indictment, cioè attraverso l’interrogazione di un gruppo di uomini ai quali i
giudici gli agenti della corte regia chiedevano di informarli sui reati che erano stati commessi nel
territorio