Sapiens 3012 punti
L'orario di lavoro

Il lavoro deve essere effettuato secondo l'orario previsto dal contratto collettivo, non può comunque eccedere il limite massimo legale di quaranta ore settimanali. Questa regola è stata stabilita con il Decreto legislativo 196/1997.
L'orario di lavoro può anche essere concordato tra le parti in misura sensibilmente inferiore, in tal caso il rapporto di lavoro prende il nome di lavoro a tempo parziale.
Questo è un contratto di lavoro con il quale il lavoratore si impegna a lavorare con l'orario giornaliero ridotto rispetto a quello normale oppure per periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese o dell'anno, percependo una retribuzione proporzionale alle ore lavorate.
Il lavoratore può essere costretto a lavorare anche oltre l'orario normale: tale lavoro prende il nome di straordinario.
I contratti collettivi disciplinano i casi in cui è ammesso il lavoro straordinario, il suo limite massimo e l'ammontare della sua riproduzione oraria ( maggiore di quella del lavoro a orario normale).
Il lavoratore ha diritto a un giorno di riposo settimanale retribuito, di regola questo giorno coincide con la domenica. Inoltre il lavoratore ha diritto al riposo retribuito in occasione delle festività nazionali; so tratta di un periodo di ferie annuali retribuite, a cui il lavoratore non può assolutamente rinunciare, determinato secondo le modalità stabilite dai contratti collettivi.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017