Ominide 13147 punti

In America, nella seconda metà del XVIII secolo, le colonie inglesi si ribellarono alla madrepatria e diedero inizio alla guerra di indipendenza americana, che si concluse con la vittoria delle ex-colonie.
Nel 1776 fu approvata la Dichiarazione di indipendenza, in cui veniva affermato il principio che tutte le persone possiedono diritti innati, come il diritto alla vita e alla libertà.
Nel 1783, con la Pace di Versailles (Francia), fu ufficialmente riconosciuta l'indipendenza degli Stati Uniti d'America.
Nella Costituzione americana, approvata nel 1787 a Filadelfia, già si prevede la forma di Stato federale, mentre la forma di governo, tuttora in vigore, è una repubblica presidenziale, che si basa su una rigorosa separazione dei poteri:
- il potere legislativo spetta al Congresso, composto dalla Camera (che rappresenta il popolo) e dal Senato (in cui ogni Stato federato ha 2 senatori, in modo da trovarsi su un piano di parità con gli altri);
- il potere esecutivo è esercitato dal Presidente della Repubblica, eletto direttamente dal popolo, attraverso i Grandi elettori;

- il potere giudiziario è affidato alla Corte Suprema, organo di enorme prestigio, che con le sue sentenze ha inciso in modo profondo sulla vita degli Stati Uniti.

Quindi con la nascita degli Stati Uniti si affermano due principi fondamentali dello Stato liberale: il riconoscimento di diritti innati nei cittadini e la separazione dei poteri

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email