Ominide 13639 punti

Mutamenti informali del testo costituzionale


In alcune circostanze, la giurisprudenza ammette il ricorso a mutamenti non espliciti della Costituzione. Questi sono realizzati attraverso il ricorso all’interpretazione giurisprudenziale o all’adeguamento tacito per consuetudine o convenzione. In questi casi occorre di volta in volta analizzare se si tratti di una attività di attuazione della norma o di uno stravolgimento della ratio della norma stessa.

L’attività interpretativa delle Corti Costituzionali ha portato a continui adeguamenti alla realtà contemporanea dei testi costituzionali. Ne consegue l’impossibilità di cogliere l’effettiva portata delle norme della Costituzione senza conoscere le sentenze delle corti.
A distinguere sostanzialmente consuetudini e convenzioni è l’elemento della disponibilità in relazione ai soggetti destinatari. Le consuetudini sono espressione dell’intero ordinamento statale, sono eteronome rispetto ai soggetti costituzionali destinatari e da questi non derogabili. Le convezioni, invece, sono conseguenza di intese, per lo più informali, fra soggetti costituzionali e, essendo espressione della autonomia di tali soggetti, sono da questi derogabili.
Le consuetudini ammesse sono generalmente di integrazione e completamento della Costituzione scritta e mai contrastanti con i testi costituzionali. Hanno diverse funzioni: esistono consuetudini interpretative di norme scritte, ma anche consuetudini permissive o facoltizzanti, che consentono alcuni comportamenti degli organi costituzionali. L’individuazione dell’esistenza di una consuetudine, dunque degli elementi della longa repetitio e della opinio iuris, avviene nel momento dell’attività interpretativo-creativa del giudice costituzionale. (un esempio particolare di consuetudine innovativa è dato dalle cabinet conventions degli ordinamenti di derivazione anglosassone consistenti nell’individuazione di istituti inderogabili e non disciplinati da altre norme scritte, neppure costituzionali, che soli regolano la forma di governo parlamentare in Canada, Australia e Nuova Zelanda.)
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email