Ominide 6535 punti

Modi di costituzione dell’usufrutto


Analogamente alle servitù, anche per l’usufrutto esistevano modi di costituzione del diritto civile e del diritto pretorio.
I modi di costituzione del diritto civile erano:
- Il legato per vendicationem;
- La deductio;
- L’adiudicatio (in un iudicum legitimum);
- L’itis aestimatio da parte del soggetto che, convenuto con l’actio negatoria, preferisse optare per tale scelta.
Sulla base del diritto pretorio, invece, l’usufrutto poteva essere costituito tramite:
- Pactiones et stipulationes su terre provinciali;
- Adiudicatio (in un iudicium imperio continens);
- Traditio per patientia (modo informale di costituzione dell’usufrutto a cui era associata la tolleranza dell’esercizio della medesima).
In età giustinianea l’usufrutto poteva essere costituito mediante pactiones et stipulationes, traditio e longi temporis praescriptio. L’usufrutto era, sin dalle sue origini, inusucapibile ma, in età giustinianea, si ammise che si potesse acquistare mediante la longi temporis praescriptio, dopo un decennio tra presenti e dopo un ventennio fra assenti.
Nell’ambito dell’acquisizione del diritto di usufrutto è fondamentale porre in essere una summa divisio fra persona fisica e persona giuridica.
La persona giuridica è un centro di imputazione di diritti e di doveri diverso dall’uomo: si tratta dunque di una creazione del diritto. Essa è un’entità nettamente distinta dalla personalità fisica. In epoca romana, le personalità giuridiche potevano vantare il diritto di usufrutto per il tempo massimo di un secolo, mentre le persone fisiche lo perdevano a causa della morte.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email