Ominide 214 punti

La magistratura


La giurisdizione è il terzo potere dello Stato esercitato dalla magistratura, consiste nel pronunciare sentenze per risolvere liti.

Vediamo i caratteri tipici:
Presuppone una lite tra due soggetti, i quali assumono la posizione di parti del giudizio.
La lite viene risolta tramite un giudizio, una sentenza emessa dal giudice che deve essere imparziale, quindi deve emettere la sentenza applicando la legge.

Tra questi tre elementi può mancare la lite, si pensi ad esempio a un divorzio consensuale, questo tipo di giurisdizione si denomina giurisdizione volontaria.

La giurisdizione si divide in:

- Giurisdizione ordinaria.
- Giurisdizione speciale.

A sua volta la giurisdizione ordinaria si divide in:

- Giurisdizione civile, si occupa di risolvere le controversie tra privati cittadini.

- Giurisdizione penale, si occupa di accertare se l'imputato sottoposto ad un processo abbia commesso un reato, e se così fosse verrà condannato alla pena prevista dalla legge.

La giurisdizione speciale si occupa di tutelare i cittadini nei confronti della pubblica amministrazione.

Esistono tre gradi di giudizio:
- Nel primo grado di giudizio, il giudice esamina i fatti ed esprime una sentenza, che può essere impugnata.

- Si passa al secondo grado di giudizio, quando il soccombente impugna la sentenza di primo grado.
Si riesaminano i fatti e se ci sono nuove prove, fino ad arrivare ad un'altra sentenza, emessa da un altro giudice.

- Si passa al terzo grado di giudizio, quando viene impugnata anche la sentenza di secondo grado.
In questo caso la corte di cassazione esamina le sentenze precedenti ed emana la sentenza finale applicando la legge.
Quest' ultima non può più essere impugnata, e si dice quindi che la sentenza è passata in giudicato, ovvero che è definitiva.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email