Ominide 14352 punti

La libertà di impresa


L'articolo 41 della Costituzione riconosce ai privati la libertà di iniziativa economica, ossia di impiegare risorse materiali (terre, materie prime, macchine) e risorse umane (il lavoro di altre persone) per produrre beni per il mercato. E poiché la libertà di decidere che cosa produrre, come produrre, per chi produrre viene riconosciuta a tutti, gli imprenditori la esercitano in concorrenza gli uni con gli altri. Con il linguaggio del economia potremmo dire che la Costituzione, ammettendo la libertà di impresa e la lama concorrenza, riconosce due aspetti qualificanti delle economie capitalistiche (odi mercato). Il Codice civile applica questo orientamento riconoscendo ai soggetti l'autonomia contrattuale, ossia la possibilità di stabilire liberamente rapporti giuridici mediante contratto. Il contratto tra soggetti giuridicamente liberi e indipendenti è il fondamento dell'attività di mercato. La libertà di iniziativa economica non è però senza limiti. La stessa Costituzione prevede che lo Stato possa intervenire per correggere le eventuali distorsioni del mercato e orientare l'attività economica verso fini sociali (per esempio la lotta contro la disoccupazione, la riduzione degli squilibri economici tra nord e sud ecc.). Le possibilità di intervento dello Stato sono numerose.
a. Innanzitutto, con la programmazione lo Stato può stabilire preventivamente e organicamente gli obiettivi che il sistema economico deve raggiungere e prevedere una serie di misure per indirizzare verso questi fini l'attività delle imprese private (concedendo selettivamente finanziamenti a tasso agevolato, riduzioni sulle imposte ecc.). Questo importante strumento è
stato scarsamente impiegato e spesso gli interventi dello Stato sono stati improvvisati, dispersivi, legati a situazioni contingenti, e pertanto non efficaci.
b. Inoltre, può fissare regole precise, controllando che vengano rispettate, affinché l'attività delle imprese non danneggi i beni della collettività o metta in pericolo la salute e la sicurezza delle persone (i dipendenti devono essere protetti dal rischio di incidenti sul lavoro, i beni prodotti non devono essere nocivi o pericolosi per i consumatori ecc.).
c. Infine, può svolgere esso stesso delle attività economiche attraverso imprese che operano sul mercato in condizioni di parità e di concorrenza con le imprese private.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email