L'invalidità del contratto


Il contratto è invalido quando è nullo o annullabile.
Il contratto è nullo :
  • quando manca un elemento essenziale (per esempio per una donazione non di modico valore è previsto l'atto pubblico)
  • quando la causa è illecita ( = funzione economica sociale del contratto, come per esempio nella compravendita è lo scambio, nella donazione la libertà)

  • Illecita= contrario alla legge, all'ordine pubblico e al buon costume
  • quando l'oggetto è impossibile, indeterminato o indeterminabile.

Il contratto nullo non produce alcun effetto.
La nullità può essere fatta valere da chiunque (chi abbia un interesse ad agire), senza termini di prescrizione (non c'è una data in cui "muore" il diritto di chiedere la nullità del contratto). La nullità non è sanabile.

Il contratto è annullabile quando:

  • è stipulato da un incapace: minore, interdetto, minore emancipato, inabilitato
  • ci sono i vizi della volontà: errore, violenza, dolo

Il contratto annullabile produce effetti fino alla sentenza di annullamento, L'annullamento può essere chiesto solo da un avente di diritto, cioè una persona coinvolta nei suoi interessi nel contratto; può essere richiesta in genere entro cinque anni dalla conclusione del contratto.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email