Ominide 17069 punti

L’inderogabilità della legge nel lavoro pubblico


L’art. 2 del d.lgs. 165/2001 prevede che le fonti legislative in materia di lavoro pubblico possano essere derogate, anche in peius, dalla contrattazione collettiva. In sostanza, ciò che per il lavoro privato è un’eccezione, in quello pubblico diviene la regola.
La derogabilità, però, è limitata alle materie demandate alla contrattazione dal d.
lgs.: tale facoltà è inoltre concessa esclusivamente ai contratti collettivi di livello nazionale (CCNL). Questi ultimi devono rispettare i principi stabiliti dal d.lgs. 165/2001; se li oltrepassano, subentra la nullità parziale.
Nel lavoro pubblico il rapporto tra legge e contratto collettivo è chiarito da un’apposita disposizione di legge, e cioè dall’art. 2, c. 2, del d.lgs. n. 165/2001, da ultimo ritoccato (non stiamo qui a ricostruire le precedenti modifiche) con d.lgs. n. 75/2017. L’articolo, dopo aver ribadito che le disposizioni dello stesso d.lgs. n. 165/2001 hanno carattere “imperativo”, prescrive che “eventuali disposizioni di legge che abbiano introdotto discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate nelle materie affidate alla contrattazione collettiva ai sensi dell’articolo 40, comma 1, e, nel rispetto dei principi stabiliti dal presente decreto, da successivi contratti o accordi collettivi nazionali, e per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge”. In sostanza, nel settore pubblico, diversamente da quello che ci si potrebbe attendere, la regola è quella della derogabilità della legge, di massima anche in peius, da parte del contratto collettivo. Ciò, peraltro, ad alcune condizioni: la derogabilità è limitata alle materie affidate alla contrattazione collettiva ai sensi dell’art. 40, c. 1, del d.lgs.; la facoltà di deroga è riservata ai contratti collettivi di livello nazionale (e non decentrato); le deroghe debbono rispettare, comunque, i principi stabiliti dal d.lgs. n. 165/2001.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email