Ominide 17058 punti

Diritto e azione a tutela di una prerogativa costituzionale


La presenza del giudice costituzionale, insieme alla circostanza che il singolo interessato non può accedere direttamente ad esso (almeno in quei paesi come l’Italia che conoscono soltanto il ricorso in via incidentale), fa venire meno la tradizionale correlazione fra diritto e azione a tutela di un diritto.
Allorché nel corso di un giudizio venga sollevata un’eccezione di costituzionalità, infatti, non necessariamente si deve fare riferimento a un diritto soggettivo: quello che si chiede è di verificare se una determinata norma rispetti un determinato parametro costituzionale (tanto che, coerentemente, il giudizio di costituzionalità può proseguire davanti al giudice costituzionale senza instaurare un necessario contradditorio, potendosi svolgere anche in assenza della parte che ha sollevato l’eccezione).

La tutela multilivello dei diritti, basata su tre carte (la costituzione nazionale, la Convenzione fra i paesi del Consiglio d’Europa, la Carta dei diritti dell’Unione europea) e su tre corti (quella costituzionale di ogni stato, quella di Strasburgo, quella del Lussemburgo), da un lato induce a espandere il novero delle situazioni giuridiche tutelate, dall’altro a tenere conto delle diverse tradizioni giuridiche nazionali (ad esempio, nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo attraverso il «margine di apprezzamento» riconosciuto agli stati). A ciò si aggiunga la tendenza della Corte europea dei diritti, cui si può accedere con ricorso individuale, sia pure in via sussidiaria, ad affrontare le questioni ad essa sottoposte con duttilità, secondo un metodo casistico, al di fuori della logica prevalentemente deduttiva che ha retto la teoria dei diritti soggettivi. Non infrequente, peraltro, è la tendenza ad accogliere i ricorsi non per riconoscere al ricorrente un diritto, ma al solo fine di rimuovere, in un dato contesto, una discriminazione.
In ogni caso, proteggere un interesse fondamentale con lo scudo del diritto soggettivo oggi può non bastare. Nello stato liberale le libertà tendevano a esaurirsi nella tutela di un diritto soggettivo; nello stato costituzionale, invece, esse tendono a tradursi, oltre che in diritti soggettivi, in più ampi «statuti» o «istituzioni».
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email