Ominide 6533 punti

[h2]Criterio gerarchico e annullamento legislativo/h2]

Il terzo criterio di risoluzione delle antinomie normative è il criterio gerarchico. Esso si fonda sull’idea secondo cui le fonti del diritto sono ordinate secondo un criterio gerarchico. La gerarchia, pertanto, aiuta l’interprete a scegliere una fonte rispetto a un’altra, in particolare nel caso in cui una norma sia disposta da una fonte sopra ordinata. I meccanismi su cui si fonda il criterio gerarchico e le conseguenze che esso implica sono distinti da quelli prodotti dal criterio cronologico. Questi due criteri si differenziano per un aspetto fondamentale: gli effetti del criterio gerarchico non possono mai essere taciti, come talvolta avviene nel corso dell’attuazione del criterio cronologico, essi devono essere sempre espressi esplicitamente da una figura qualificata; inoltre, mentre il criterio cronologico può determinare l’abrogazione di una legge precedente, il criterio gerarchico può determinarne l’annullamento e mai l’abrogazione. Fino al momento in cui tali effetti non sono resi manifesti da un giudice specifico (come ad esempio un giudice costituzionale), la legge in questione è legalmente in vigore anche se essa è palesemente incoerente con la costituzione. Il criterio gerarchico, dunque, analizza e disciplina il rapporto di validità e invalidità di una fonte sotto ordinata rispetto a una fonte sopra ordinata.

Sebbene abrogazione e annullamento sembrino evocare concetti analoghi, essi sono temi ben distinti: l’abrogazione circoscrive l’efficacia di una legge nel corso del tempo e generalmente non ha effetto retroattivo; l’annullamento, invece, ne determina l’espunzione dall’ordinamento giuridico con effetto retroattivo.
Dunque, mentre un rapporto pendente fondato su una legge in seguito abrogata continua ad essere disciplinato fino al suo esaurimento dalla normativa vigente al momento della stipulazione, se un contratto è stato stipulato sulla base di una legge in seguito annullata espressamente da chi di competenza, esso perde invece la sua efficacia ed è effettivamente considerato nullo.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email