Ominide 17058 punti

Criterio gerarchico e invalidità normativa


Quando l’antinomia concerne invece norme poste da fonti non equiparate, non si può fare ricorso al criterio cronologico, ma deve applicarsi il criterio della gerarchia: il conflitto fra norme aventi una diversa posizione gerarchica va risolto nel senso che prevale la norma posta dalla fonte superiore o sovraordinata.
Oltre che per il presupposto (il differente rango delle fonti appunto), il criterio gerarchico si distingue dal criterio cronologico per l’effetto conseguente al giudizio che risolve l’antinomia. Nell’applicare la norma sovraordinata, la norma sottordinata non si considera abrogata, ma è invalida, ossia viziata per non avere rispettato l’ordine gerarchico delle fonti. Come tale, essa deve essere eliminata dall’ordinamento giuridico mediante l’annullamento ad opera dei competenti organi giurisdizionali: in caso di contrasto fra Costituzione e legge (o atto avente forza di legge), la legge invalida, ricorrendone i presupposti, può essere dichiarata costituzionalmente illegittima dalla Corte costituzionale; in caso di contrasto fra legge e regolamento, l’annullamento può essere pronunciato dal giudice amministrativo. L’invalidità, a differenza dell’abrogazione, determinando l’eliminazione dell’atto, determina la caducazione di ogni sua efficacia, non solo quella pro futuro ma anche quella prodotta nel passato: non solo ex nunc ma anche ex tunc (efficacia retroattiva, comunque con esclusione dei rapporti esauriti.

Il criterio cronologico, allo stesso modo, non può essere utilizzato quando le fonti sono ordinate dalla Costituzione secondo il criterio della competenza, riferita o alla dimensione territoriale nell’ambito della quale l’atto fonte è destinato a operare, o alla materia ovvero al particolare oggetto disciplinato. In questi casi, infatti, le antinomie devono essere risolte dando applicazione alla norma posta dalla fonte competente a disciplinare una determinata fattispecie, con esclusione di altri atti fonte. Il rapporto fra norme contrastanti è un rapporto fra norma valida e norma invalida (diversamente dal criterio cronologico che vuole tutte norme valide), sicché la norma non competente, come la norma gerarchicamente sottordinata, è una norma invalida che deve essere eliminata dall’ordinamento mediante annullamento, secondo quanto già visto.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email