S4161 di S4161
Ominide 1103 punti

Contratto di catering

Il contratto di catering deriva dall'inglese "to cater" che significa approvvigionare: il catering è quella azienda che cura l'organizzazione e coordinamento della somministrazione di cibo e bevande (preparato da terzi, quali ristoranti, rosticcerie, ecc..) all'esterno, in occasione di cerimonie, coffee break, meeting aziendali ed eventi in genere.
È diverso dall'agenzia di banqueting, dove si occupa di tutta l'organizzazione e la presentazione di un evento: scelta della location, allestimento, intrattenimento, invio degli inviti, ecc..
Naturalmente, entrambi sono legate, nel senso che l'uno non c'è senza l'altro, si sta sempre più diffondendo l'azienda che è un'unica impresa e cura tutte le fasi dell'evento.
Anche da un punto di vista contrattuale le cose non cambiano, tanto da ritrovarli nello stesso contratto. Il catering si può definire come un contratto con cui una parte denominata caterer si impegna a eseguire a favore dell'altra parte una prestazione periodica di preparazione e somministrazione di alimenti e bevande.

Il catering è quindi un contratto misto che oscilla tra la somministrazione e l'appalto dei servizi, poiché questi servizio ha il compito di confezionare cibi e bevande, attraverso l'allestimento di un locale, mentre il banqueting consiste nel preparare e consegnare cibi e bevande per un determinato evento.
Il contratto di catering rientra nella categoria di contratti atipici disciplinati dall'articolo 1322 2° comma del codice civile.
Il contratto di catering si può definire:
-Bilaterale: fa sorgere obblighi a tutte le parti;
-A prestazioni corrispettive: vale a dire che esistono due prestazioni legate tra loro da un nesso che le rende interdipendenti;
-Commutativo: prestazioni non dipendono dal verificarsi di un evento incerto; pertanto le parti conoscono subito l'entità, riducendo il margine di rischio insito nel contratto;
-A titolo oneroso: al sacrificio patrimoniale che una parte compie eseguendo la prestazione, corrisponde un vantaggio patrimoniale che la stessa parte consegue ricevendo la prestazione della controparte;
-Consensuale: che si perfeziona con il mero consenso delle parti;
-Di durata: la cui funzione si attiva attraverso l'adempimento di una o più prestazioni ad esecuzione continuata.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email