Eliminato 33 punti

La compravendita


E l'accordo fra due parti (acquirente, venditore). Un soggetto che ha necessità di un bene, si rivolge a colui che lo mette in vendita. Il contratto di compravendita nasce da una proposta di compravendita del bene. Esistono due tipologie di proposte: dirette (Chi può essere l'acquirente? Solo la persona specifica che riceve la proposta) o generalizzate (non individua la persona che la riceve, anche detta proposta al pubblico).

Quando chi riceve la proposta la accetta, avviene la stipula del contratto. Il contratto di compravendita è regolato (e maggiormente tutelato) dal Codice Civile.

Le parti possono stabilire delle regolamentazioni diverse da quelle previste dal Codice Civile (sostituendole), in tal caso vengono seguite le regolamentazioni accordate dalle parti (per esempio: aumento dei termini di garanzia di buon funzionamento; consegna a domicilio gratuita, etc.). In relazione a quanto affermato, si dice che la norma (rif. Codice Civile) è residuale.

Quando il contratto prevede delle limitazioni di diritti, occorre la doppia firma. La 1° firma deve essere posta per accettazione del contratto, la 2° firma per le clausole limitative dei diritti. Condizione essenziale del contratto di compravendita: Il venditore deve essere proprietario del bene.

Cosa dice il Codice Civile:


L'oggetto della vendita deve essere consegnato al domicilio del venditore, oltre che il pagamento (se non è stato deciso diversamente). I vizi evidenti dei beni acquistati devono essere denunciati dall'acquirente entro 8 giorni dalla consegna del bene. I vizi occulti invece, devono essere denunciati entro 2 anni dall'acquisto del bene, a meno che non si tratti di un immobile nuovo venduto dal costruttore, in questo caso i tempi si allungano a 10 anni dalla consegna delle chiavi. Con la vendita e l'adempimento del pagamento, l'acquirente ha il diritto di acquisire il possesso del bene acquistato ("animus possidendi"). Se l'oggetto è un bene mobile, la trasmissione del possesso avviene tramite consegna diretta. Se l'oggetto è un bene immobile, la trasmissione del possesso avviene tramite la consegna delle chiavi.

Esempio di un contratto di compravendita: Acquisto di un autoveicolo


Le fasi:
  • Preventivo (proposta);
    Accettazione;
    Stipula del contratto (per iscritto, a garanzia del venditore).

Obbligazioni al momento della stipula di un contratto: L'acquirente versa un acconto al venditore, nel caso in cui lo stesso decida di non prendere più l'autovettura, poiché tale acconto risarcisce il danno causato al venditore. Prima della immatricolazione, vi dovrà essere il saldo da parte dell'acquirente.

L'acquirente, spesso, ricorre a capitali finanziati da banche (mutuo).

In questo esempio, possiamo trovare anche il contratto di permuta, il quale prevede lo scambio di un'autovettura vecchia con una nuova con l'obbligo, da parte dell'acquirente, di integrare la differenza.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Contratto di Compravendita