Video appunto: Comune: composizione e funzionamento
Il territorio italiano è diviso in 7903 comuni (al 20 luglio 2020). Esistono comuni soltanto urbani il cui territorio è occupato da un grande centro abitato e comuni soprattutto agricoli il cui territorio è per la maggior parte coltivato, boschivo, lasciato a pascolo o composto da terreni incolti.
Nel capoluogo del Comune ha sede l’Amministrazione comunale (Municipio, ecc…) mentre gli altri centri abitati si chiamano frazioni. Con il termine “comune” si indicano due cose:
1) Un territorio dello Stato e la popolazione che vi abita; molti sono molto estesi e molto popolati ed altri pochi estesi con poche centinaia di abitanti.
2) L’Amministrazione Comunale, cioè le persone e gli uffici che hanno il compito di assicurare agli abitanti di tale territorio i principali servizi pubblici come strade, trasporti, scuole, illuminazione, raccolta rifiuti, acqua potabile ed altro.
Gli organi di governo del Comune sono il Consiglio Comunale, la Giunta e il Sindaco
Il Consiglio Comunale è composto da un minimo di 15 membri fino ad un massimo di 80, a seconda del numero degli abitanti. Esso discute e decide in merito a tutte le decisioni più importanti che riguardano la vita del Comune; le decisioni assunte si chiamano “deliberazioni” e vengono rese pubbliche tramite affissione all’ Albo pretorio, spesso sostituito dall’ Albo on-line. Nella prima seduta, il Consiglio, con votazione segreta, sceglie i Consiglieri che faranno parte della Giunta. I membri della Giunta si chiamano assessori e il loro numero varia da 4 a 14, in relazione al numero degli abitanti. Ogni assessore si occupa di un ramo dell’amministrazione: l’istruzione, i lavori pubblici, le finanze, servizi sociali, ecc. In pratica, il Consiglio Comunale ha il ruolo legislativo (come il Parlamento), mentre la Giunta ha il potere esecutivo, come il Governo. Gli assessori, infatti, svolgono una funzione analoga a quella dei ministri. Del Comune sono il Consiglio
Il Sindaco viene eletto a suffragio universale diretto da tutti i cittadini del Comune che abbiano un’età di 18 anni. Egli è il capo del Comune e presiede le sedute degli Assessori, dirigendone l’attività, proprio come fa il Primo ministro all’interno del Consiglio dei ministri. Nel proprio comune, il Sindaco ha anche alcune funzioni per incarico del Governo: celebra i matrimoni civili ed è responsabile dei registri anagrafici. In caso di piccoli Comuni, egli è anche responsabile dell’ordine pubblico. Il sindaco risponde del proprio operato di fronte al Prefetto che è il rappresentante del Governo