Video appunto: Associazione non riconosciuta

L'associazione non riconosciuta



La distanza che appare tra associazioni riconosciute e associazioni non riconosciute si è drasticamente ridotta. L’unica differenza sostanziale che vale a distinguere tali tipologie di associazioni e, e da individuarsi nel diverso grado di autonomia patrimoniale. L’associazione riconosciuta gode di un’autonomia patrimoniale perfetta, a differenza E dell’associazione non riconosciuta che gode di un’autonomia patrimoniale imperfetta.

L’associazione non riconosciuta, al pari di quella riconosciuta, nasce per contratto associativo. Vale, pertanto, quanto già osservato in relazione alla struttura aperta e ai caratteri fondamentali di tale contratto. Un’importante differenza deve essere registrata sotto il profilo della forma: la costituzione dell’associazione non riconosciuta non è soggetta ad alcuna forma particolare. Così, ad esempio, se uno degli associati intendesse aderire all’associazione apportando all’ente un bene immobile, sarà necessaria la forma scritta, richiesta per gli atti aventi ad oggetto il trasferimento di beni immobili o la costituzione di diritti reali immobiliari.

In considerazione Dell’identità strutturale con l’associazione riconosciuta, si ritiene che all’associazione non riconosciuta siano applicabili le norme dettate in tema di associazioni riconosciute atte a qualificare il modello associativo in quanto tale. L’elemento patrimoniale È rappresentato dal fondo comune, costitutivo dei contributi degli associati e dei beni acquistati con i contributi. Il fondo comune non appartiene in comunione agli associati, ma all’ente non riconosciuto. Il fondo comune si presenta come pienamente assimilabile al patrimonio dell'associazione riconosciuta. Finché l’associazione dura, i singoli associati non posso chiedere la divisione del fondo comune, né pretendere la quota in caso di recesso (art. 37).