Video appunto: Amministrazione al servizio del cittadini

Amministrazione al servizio dei cittadini



- Nonostante le p.a. esistano per svolgere funzioni amministrative nel perseguimento di interessi pubblici, i cittadini le percepiscono come soggetti che sacrificano i loro interessi o ostacolano la loro attività
- Questa percezione dipende da diversi fattori, ad esempio l’inefficienza delle amministrazioni che impiegano tantissimo tempo per autorizzare i soggetti a svolgere attività private.

- L’idea dell’amministrazione al servizio dei cittadini è recente, nasce solo con l’affermazione dello stato democratico del 900, mentre prima le amministrazioni erano al servizio del sovrano e poi del potere esecutivo che non traevano legittimazione dal voto popolare e quindi non rispondevano ai cittadini.
- In quell’epoca i cittadini più che padroni erano sudditi dell’amministrazione: l’amministrazione aveva una posizione di supremazia e il diritto amministrativo non era uno strumento per tutelare gli interessi generali ma per regolare l’esercizio del potere delle p.a.
- Ciò che ancora oggi altera la percezione di amministrazione come soggetto al servizio dei cittadini è il fatto che le amministrazioni perseguono interesse pubblici, in particolare quelli che l’organo politico che individuato come meritevoli di tutela. Essi potrebbero essere in contrasto con altri interessi pubblici o privati e comportarne dunque un sacrifico.
- Nell’attuale Stato democratico non c’è dubbio che le amministrazioni siano al servizio dei cittadini. Il circuito democratico infatti vede l’elezione del parlamento da parte del corpo elettorale, la responsabilità del governo nei confronti del parlamento e il controllo delle amministrazioni da parte del governo.