Come prendere bene gli appunti all'università

Redazione
Di Redazione
studentessa prende appunti

Come prende gli appunti lo studente universitario? Seduto al suo banchetto o arroccato sul davanzale di un’aula strapiena, l’obiettivo comune è quello di accaparrarsi quante più informazioni possibili durante la lezione per capire cosa chiederà il prof all’esame e cosa si può evitare di studiare. E allora vediamo quali sono le tecniche e le strategie per prendere appunti ad una lezione universitaria.



Come prendere bene gli appunti all'università

Non esiste una tecnica definitiva per sintetizzare su carta i concetti fondamentali della lezione che stiamo seguendo, perché ognuno di noi ha un diverso modo di apprendere e di archiviare le informazioni. La cosa migliore è sperimentare vari metodi e scoprire volta per volta il più efficace: quello cioè che ci permette di acquisire più informazioni possibile nel minor tempo. Tuttavia esistono alcuni buoni consigli da considerare per mettere a punto la propria tecnica.

  • Seleziona i concetti e le nozioni principali
  • Gli appunti sono un aiuto in grado di richiamare immediatamente alla memoria i concetti importanti di una lezione, di un discorso o di una lettura, ma non esagerare con il livello di dettaglio: non stai scrivendo un manuale. Per approfondire, puoi sempre ricorrere al libro. Il rischio è sprecare tante energie per scrivere perdendo il filo del discorso, con il risultato di ricordare molto poco di ciò che abbiamo riportato sul foglio.

  • Importante riportare cifre e date
  • Scrivere sempre qualsiasi informazione di difficile memorizzazione, come ad esempio le cifre, i nomi propri, le date. Scriverle sul foglio ti darà un'aiuto in fase di studio per ricordare le nozioni più importanti.

  • Usa abbreviazioni
  • Abbreviazioni, sigle e altre tecniche in grado di farti scrivere di meno sono molto utili: non dimenticarti però di essere sempre chiaro. Stabilisci una serie di abbreviazioni e trascrivi, magari all’inizio del quaderno o del blocco notte, un sorta di legenda di quelle più criptiche.

  • Usa schemi logici
  • Sempre nell’ottica di fissare i concetti principali del discorso, può essere utile affiancare all’abbreviazione delle parole anche la rappresentazione dei legami logici fra i concetti attraverso schemi, diagrammi e mappe concettuali. Questo ci farà risparmiare tempo e permetterà, se possibile, di fissare su carta i collegamenti fra gli argomenti trattati dal prof durante il discorso.

  • Sii ordinato
  • Sembra una banalità ma l'organizzazione degli appunti è forse ancora più importante della loro mole. Bastano poche parole per richiamare i concetti principali, purché il materiale sia sistemato al meglio. Ti consigliamo quindi di dare sempre una data e titolo al tuo appunto, e di diversificare i quaderni per materie. Usa etichette per i quaderni (o cartelle per i file), in modo da catalogarli per data e materia. E' la cosa migliore per poter usare al meglio il lavoro fatto durante la lezione.

Metodi per prendere appunti all'università

Esistono molti modi per prendere appunti. Ne abbiamo elencati alcuni, e se non ne hai uno preferito, ti consigliamo di provarli tutti, in modo da capire quello che ti "calza" meglio.
  • Prendere appunti con block notes o quaderno
  • Stile classico per lo studente che a lezione scrive come un forsennato cerando di catturare tutte le frasi del prof e imprigionarle fitte fitte su:
  • sulle righe del blocco spiralato,
  • nei quadrettoni del quaderno di Winnie Pooh fregato alla sorella più piccola perché ci si era dimenticati di comprarne uno,
  • sotto un improbabile 25 dicembre dell’agenda che non può che fare questa fine,
  • sugli immacolati fogli bianchi poi ordinatamente riposti nell’apposito raccoglitore suddiviso da opportuni separatori colorati per ogni corso seguito.

  • Registrare la lezione
  • Di tendenza tra gli studenti più pigri e, ovviamente, tra quelli più ansiosi che non possono permettersi di perdere nemmeno una parola detta a lezione. Se non usate un app sullo smartphone, vi consigliamo di mettere il registratore sulla cattedra del prof (chiedendo gentilmente il permesso) altrimenti quando andrete a sbobinare (che gioia!) vi ritroverete lo sbadiglio di sottofondo del compagno a destra e le chiacchiere sul nuovo taglio di capelli della collega che avevate a sinistra.

  • Prendere appunti con il Pc portatile
  • Un’evoluzione del blocknotes, perché potrete dire addio all’antiestetico callo dello studente dovuto all’impugnatura della penna ed essere più veloci nella scrittura (e dire benvenuta alla tendinite da mouse); ma anche un passo avanti rispetto alla registrazione, perché vi evita la sbobinatura del giorno dopo.

  • Ottenere gli appunti del compagno di corso
  • Tecnica per i noperditempo. Nel senso che per non sprecare tempo ad andare a lezione, ci si fa amico qualcuno durante i primi giorni di lezione e si utilizzano direttamente gli appunti presi da lui/lei.

  • Ricercatore di dispense
  • La sua teoria è: gli appunti non servono, ma le dispense date dal prof sono di vitale importanza. È d’obbligo seguire il primo giorno di lezione e carpire tutte le info su: testi d’esame, modalità d’esame, esoneri e, naturalmente, consegna delle DISPENSE! Raccolgono pressoché tutto quello che il prof dirà a lezione e quello che chiederà all’esame quindi le dovete avere!


Cristina Montini
Skuola | TV
FARE LA SPESA IN QUARANTENA ft/ The Show #DISTANTIMAUNITI

Gli imperdibili consigli dei The Show portati su Skuola.net grazie al supporto di Google e Youtube ogni pomeriggio a partire dal...

31 marzo 2020 ore 15:00

Segui la diretta