Video appunto: Stress ossidativo

Stress ossidativo



Lo stress ossidativo è un concetto che indica una condizione patologica causata dalla rottura dell'equilibrio fisiologico fra la produzione e l'eliminazione, da parte dei sistemi di difesa antiossidanti, di specie chimiche ossidanti [: tutte le forme di vita mantengono un ambiente riducente entro le proprie cellule, tale ambiente cellulare redox è preservato da enzimi che mantengono lo stato ridotto attraverso un costante input di energia metabolica.
Eventuali disturbi in questo normale stato redox possono avere effetti tossici per la produzione di] si accumulano così perossidi e radicali liberi che danneggiano tutti i componenti della cellula, incluse proteine, lipidi e DNA. È l’eccesso di questi ossidanti ad essere implicato nello stress ossidativo, oggi associato a oltre cento patologie umane, quali aterosclerosi, Parkinson e invecchiamento.
N.B.: i radicali liberi sono specie molecolari molto reattive, capaci di reagire con acidi nucleici, con proteine e con i fosfolipidi. Il numero di radicali liberi prodotti giornalmente dalla respirazione cellulare è stimato in circa 100/mitocondrio.
Esistono però enzimi che difendono la cellula dal danno ossidativo, come la superossido dismutasi (SOD) che trasforma due anioni superossido in acqua ossigenata più ossigeno. A sua volta l’acqua ossigenata viene ridotta dalla catalasi nei perossisomi e dalla glutatione perossidasi nel citoplasma a acqua.

N.B.: tutte e tre le SOD funzionano grazie a cofattori metallici. La glutatione perossidasi è invece un enzima appartenente alla classe delle ossidoreduttasi.
È possibile potenziare le difese contro lo stress ossidativo con integratori ad azione anti-ossidante, ossia molecole che inibiscono l’ossidazione di altre molecole (donano elettroni che neutralizzino i radicali liberi), tra di queste le vitamine A, C, E; cofattori di enzimi come Zn, Mn, Cu, Se, i polifenoli, l’acido lipoico, carotenoidi e la melatonina.