Genius 22361 punti

Le mutazioni

La rilevazione di nuove caratteristiche insorte casualmente negli organismi ha richiamato l’attenzione degli studiosi sui cambiamenti del codice genetico e grazie a pazienti ricerche sono stati resi noti i processi e le cause che sono alla base dei cambiamenti, definiti mutazioni.

Durante la replicazione del DNA possono essere favoriti ponti idrogeno in maniera diversa; ad esempio l’A può contrarre legame, anziché con T, con la base C; così la coppia A-T viene sostituita dalla coppia A-C e un errore siffatto è destinato a diffondersi nelle successive replicazioni.
Nella realtà alcuni meccanismi correttivi cancellano molti di questi errori, mentre altri permangono nell’informazione genica e sono cause di cambiamenti o mutazioni.

Le mutazioni possono verificarsi spontaneamente o essere indotte per esposizione ad agenti fisici o chimici, definiti mutageni.
Il tasso di mutazioni spontanee è molto basso, mentre l’esposizione ad agenti mutageni, quali raggi X, raggi ultravioletti (UV) o sostanze chimiche, eleva la frequenza delle mutazioni. Le sostanze chimiche presenti nell’ambiente, prodotte da procedimenti agricoli, industriali o da motori, hanno effetti mutageni.
Le mutazioni alterano il codice genetico e ciò ha ripercussioni più o meno significative sulla sintesi delle proteine; esse hanno però costituito anche una fonte di variabilità, che è alla base dei processi evolutivi. Grazie alle mutazioni sono insorti spesso nuovi caratteri in una popolazione, risultati più favorevoli alla sopravvivenza in avverse condizioni ambientali
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Correlati Mutazioni
Registrati via email