Genius 16601 punti

Organizzazione superelicoidale del DNA


Nei cromosomi degli eucarioti il DNA associato a proteine basiche, dette istoni, e a proteine non istoniche. Le proteine istoniche sono di piccole dimensioni ed esibiscono carica positiva dovuta a residui di arginina e lesina ; se ne conoscono cinque differenti tipi.
Istoni di quattro diversi tipi (H2A, H2B, H3, H4), in duplice copia, fungono da rocchetti di avvolgimento del DNA e vengono definiti istoni-core.
Il complesso del DNA e delle proteine ad esso associate è definito cromatina, per la sua affinità per i coloranti.
Il DNA spiralizza in direzione sinistrorsa intorno all’ottamero di istoni per circa 165 coppie di basi, costituendo un nucleosoma, che rappresenta l'unità fondamentale della cromatina. A stabilizzare la struttura sono le cariche negative dei gruppi fosfato dell’elica del DNA, che interagiscono con le cariche positive degli istoni. Questa struttura viene comunemente definita “a collana di perle” per l’aspetto dei nucleosomi al M.E.
Al microscopio elettronico è stato possibile osservare una struttura cromatinica più compatta, dovuta all’impaccamento dei nucleosomi l’uno sull’altro ad opera degli istoni H1. La fibra cromatinica, così condensata raggiunge lo spessore di 30 nm.
Il filamento di DNA subisce ancora accorciamenti e in compenso aumenti dello spessore, per il ripiegamento in anse che si estendono da un asse centrale. Questa ad anse è la struttura supercondensata tipica del cromatidio: ciascun cromosoma, consiste di una coppia ditali filamenti.
I cromosomi umani contengono da 45 a 230 milioni di basi condensate in un piccolissimo spazio.
La cromatina supercondensata non è attiva, poiché risulta poco accessibile agli enzimi catalizzatori delle attività cellulari; nella trascrizione e nella duplicazione infatti si ha lo srotolamento del DNA: i nucleosomi vengono aperti e spiazzati.
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email