Ominide 1475 punti

Regno delle Monere


Gli organismi di questo regno sono i più semplici e coincidono sostanzialmente con i batteri.

Definizione: le Monere sono organismi procarioti unicellulari


2.Descrizione: La loro cellula è piccola (intorno a 1/1000 di mm). Ha una membrana e un citoplasma ma non un nucleo. Il DNA tuttavia c’è ed è sparso nel citoplasma sotto forma di unico cromosoma circolare. Non ci sono suddivisioni e membrane interne al citoplasma come nella cellula eucariote. Gli unici organuli sono i ribosomi per la produzione di proteine. Il batterio è spesso rivestito da una parete. E’ però diversa da quella vegetale, non essendo fatta di cellulosa. E’ formata dai proteoglicani, molecole molto complesse composte da zuccheri e proteine. Non ha un’organizzazione complessa. Ovviamente è semplice per modo di dire: ha bisogno di un numero di proteine diverse che va da 500 a 1000 in milioni di copie e l’unico cromosoma è composto di 1 milione di nucleotidi.

3.Sistemi di sopravvivenza più svariati possibili. I batteri sono i veri dominatori del pianeta (se mettessimo sopra una bilancia da una parte i batteri e dall’altra tutti gli altri organismi vincerebbero i primi). Vivono dappertutto, in ogni luogo da sfruttare, anche dentro gli altri organismi. Nel nostro corpo il numero di batteri è 10 volte quello delle nostre cellule. Vivono anche dove c’è materia organica morta (nel terreno) e anche in posti infernali come saline e sorgenti termali. Sono sopravvissuti a tutte le catastrofi e sono anche le prime forme di vita comparse sulla terra. Probabilmente se tutti morissero per una catastrofe loro sopravvivrebbero.
Principali strategie di vita:

Batteri autotrofi


a) foto sintetici: hanno la clorofilla e sono detti cianobatteri o alghe azzurre (sono di colore azzurro)
b) chemio sintetici; gli autotrofi usano materia prima inorganica. I chemiosintetici la usano ma come fonte di energia non usano la luce. Non hanno la clorofilla ma ottengono l’energia da normali reazioni chimiche. Alcune reazioni, infatti, producono energia. Loro le sfruttano per produrre energia con cui mettono insieme materia prima inorganica e costruiscono molecole organiche.

Batteri eterotrofi

rubano le molecole organiche ad altri batteri o organismi)
a)Parassiti: sfruttano altri organismi prelevando da loro molecole organiche (se sono vivi). Vivono a spese di organismi viventi, vivono dentro agli altri organismi. Nel nostro corpo il numero di batteri è 10 volte quello delle nostre cellule. Essi vivono fra una cellula e l’altra perché le cellule del nostro corpo non sono sempre attaccate fra loro. Spesso sono innocui, ma quelli patogeni causano malattie infettive (peste, colera, tubercolosi…). Tutte le grandi epidemie sono state causate da batteri. Due accorgimenti hanno permesso di debellarli: antibiotici (molecole che alterano il funzionamento delle cellule batteriche) e miglioramento dell’igiene (perché è il contatto con gli infettati che espande l’epidemia.)
b)Decompositori: sfruttano la materia organica morta. Smantellano le molecole organiche degli organismi morti usandole come materia prima. E’ per questo che i cibi marciscono. E’ a loro che si deve la decomposizione. Essa è fondamentale per la vita sulla terra perché consente il riciclo delle molecole organiche.
Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email